rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Rifiuti, nomine aziende e bilancio: "Un mese di tempo per tornare alla normalità"

La promessa del sindaco Orlando dopo la riunione di Giunta: "Entro 10 ottobre città pulita, rinnovo dei vertici delle partecipate e riorganizzazione della burocrazia". Al via piano straordinario per togliere l'immondizia dalle strade

Un mese di tempo per ripulire la città dai rifiuti che invadono le strade, nominare i nuovi vertici delle partecipate, riorganizzare la burocrazia e approvare il bilancio. A scandire i tempi è il sindaco Leoluca Orlando, che ieri ha convocato la Giunta: assessori a rapporto per tre ore per mettere in atto iniziative concrete a tutela del decoro. E non solo.

La priorità è l'igiene urbana. È stato infatti stabilito un piano straordinario di pulizia. Già stamattina in alcuni quartieri, ad esempio al Borgo Vecchio, super lavoro per gli addetti della Rap. L'obiettivo è rendere più efficiente lo spazzamento delle strade, ma soprattutto rimuovere gli ingombranti abbandonati e le discariche abusive di rifiuti presenti in tutta la città.

"Abbiamo gettato le premesse per quello che dovrà accadere - afferma il sindaco Leoluca Orlando - e, sostanzialmente, la data che abbiamo indicato è tra un mese, il 10 ottobre, quando avremo alle spalle l'approvazione del bilancio, la riorganizzazione degli uffici e dei servizi di tutta la macchina comunale e le nomine nelle aziende". Proprio sulle nomine nelle Partecipate il toto-nomi dipenderà dal giudizio del sindaco sull'operato dei presidenti: verso la riconferma Maria Prestigiacomo, che giuda l'Amap; in bilico Roberto Dolce, attuale numero uno della Rap.

Non a caso il tasto dolente toccato da Orlando è quello dei rifiuti: "Il primo segnale del prossimo lavoro sarà la convocazione urgente, da parte dell'assessore Marino e dell'assessore Riolo, dei vertici della Rap, per affrontare la questione di un piano straordinario della pulizia della città che possa restituire con assoluta immediatezza nei prossimi giorni alla normalità il sistema della raccolta dei rifiuti a Palermo".

"L’esito della Giunta politica, convocata dal sindaco Orlando lascia ben sperare affinché ricominci un’attività puntuale a tutela della vivibilità della città che, in questi ultimi mesi, ha assistito ad un inesorabile degrado a causa di una cattiva gestione dei servizi pubblici". Lo afferma Giusto Catania, capogruppo di Sinistra comune al Consiglio comunale, il quale ritiene che "la questione va affrontata alla radice poiché il servizio di raccolta rifiuti, lo spazzamento e la raccolta differenziata non sono adeguati alle esigenze della città. C’è la necessità - conclude Catania - che la questione venga affrontata in modo radicale, rivedendo il contratto di servizio che lega il Comune all’azienda Rap".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, nomine aziende e bilancio: "Un mese di tempo per tornare alla normalità"

PalermoToday è in caricamento