Cronaca Sperone / Via Messina Marine

Sant'Erasmo, volontari spazzano via scarpe e siringhe dalla spiaggia

Giovani e meno giovani hanno ripulito la zona dell'ex Solarium nell'ambito dell'iniziativa di Legambiente "Spiagge e fondali puliti". Oltre ad avere raccolto 50 sacchi di rifiuti, hanno dato vita a un flash mob per accendere i riflettori sull'abbandono della costa

I volontari all'opera durante la pulizia della spiaggia dai rifiuti

Olio di gomito, palette e sacchetti. I volontari di Legambiente Sicilia, in collaborazione con quelli del Centro di Accoglienza Padre Nostro, hanno ripulito ieri pomeriggio il litorale di Sant'Erasmo nell'ambito della manifestazione nazionale "Spiagge e fondali puliti". Oltre ad aver riempito cinquanta grossi sacchi di immondizia, hanno dato vita ad un flash mob con sdraio e ombrelloni per accendere i riflettori su un tratto abbandonato di costa, quello dell'ex Solarium ormai vandalizzato e lasciato all'incuria.

Via dalla spiaggia, dunque, pedane di pallet, cavi, bottiglie, scarpe, tubi e anche siringhe. Nell'iniziativa di ieri sono stati coinvolti, tramite il Centro Padre Nostro, un gruppo di anziane e uno di bambini e ragazzi. "Il primo rappresenta la memoria di quei luoghi - si legge in una nota - il secondo la speranza di poterli recuperare e riqualificare per l'intera comunità". Un'iniziativa analoga a quella lanciata circa una settimana fa, quando i volontari hanno "invaso" le spiagge di Marsala, Portopalo di Capo Passero, Partinico e Agira.

"Con le testimonianze - ha spiegato Gianfranco Zanna, direttore regionale di Legambiente Sicilia - auspichiamo la rinascita della costa sud di Palermo, una straordinaria risorsa per tutta la città. Non è un caso, infatti, che già diverse volte abbiamo scelto questa zona di Palermo per 'Spiagge e fondali puliti'. Vogliamo sollecitare l'amministrazione comunale affinché recuperi e strappi al degrado il Solarium".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Erasmo, volontari spazzano via scarpe e siringhe dalla spiaggia

PalermoToday è in caricamento