menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

E' ancora caos rifiuti, la Rap: "Siamo senza discarica e Palermo rischia l'emergenza"

A lanciare l'allarme è il presidente dell'azienda Giuseppe Norata, che tira in ballo Palazzo d'Orleans: "Avviso prima. Si sappia che non è Rap ad avere generato la situazione. Chiediamo a fasi alterne alla Regione quale deve esse il destino dei rifiuti prodotti nel capoluogo"

"Da domani a Palermo potrebbe scattare l'emergenza rifiuti, avviso prima in modo che se ci dovessimo trovare con la spazzatura per strada e i cassonetti ricolmi si sappia che non è Rap ad avere generato la situazione. Da più di un anno siamo senza discarica, chiediamo a fasi alterne alla Regione Siciliana quale deve esse il destino dei rifiuti prodotti nel capoluogo". A dirlo, convocando una conferenza stampa ad hoc e senza usare giri di parole, è Giuseppe Norata, presidente della Rap, l'azienda che si occupa della gestione dei rifiuti in città.

Le parole di Norata suonano come un Sos in piena regola. rap coronavirus giuseppe norata comune-2"In questo momento la discarica di Bellolampo non può più essere utilizzata - ha sottolineato -. Abbiamo cinquemila tonnellate di rifiuti indifferenziati abbancati davanti il piazzale antistante l'impianto di trattamento meccanico biologico, una presenza che interferisce negativamente con le operazioni di scarico dei compattatori che fanno raccolta in città. Inoltre, altre 25 mila tonnellate di indifferenziato sono nella stazione di trasferenza, un sito idoneo di stoccaggio, da sottoporre a trattamento".

Fino ai primi di agosto Rap conferiva, su indicazione della Regione, 250 tonnellate al giorno di rifiuti non trattati a Eco Ambiente Italia ad Alcamo e 200 tonnellate a Trapani Servizi. "Dopo l'inchiesta scattata per corruzione che ha coinvolto l'azienda Eco Ambiente Italia - ha spiegato Norata - abbiamo dovuto disdire il contratto di conferimento che riguarda l'indifferenziato e abbiamo più volte chiesto alla Regione di indirizzarci a un altro sito, ma niente. Poi a fine agosto un incendio doloso si è sviluppato nell'impianto di Trapani e abbiamo dovuto bloccare anche là il conferimento dell'indifferenziato, quindi, l'emergenza".

Randazzo: "Vertici Rap riferiscano al Consiglio comunale"

La soluzione immediata è a portata di mano, ma serve l'ok della Regione Siciliana. "Abbiamo un progetto stralcio per conferire nella sesta vasca subito 25 mila tonnellate, ma potremmo arrivare complessivamente a 140 mila tonnellate con un percorso di autorizzazione ad hoc - ha spiegato Norata -. Aspettiamo da mesi che arrivi il via libera da parte della Regione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento