menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Massimiliano Giudice, Roberto Bissanti, Nadia Spallitta, Anna Cucina

Da sinistra Massimiliano Giudice, Roberto Bissanti, Nadia Spallitta, Anna Cucina

Ricorso al Tar sul piano Mobilità del Comune: "Studi approssimativi, iter violati e cittadini ignorati"

Un gruppo di 30 cittadini si è rivolto al Tar per chiedere l'annullamento della delibera della Giunta Orlando con cui è stato adottato il Pums. "Non siamo contro il tram, ma sono state prese decisioni illogiche. In via Libertà costi più ridotti con i bus elettrici"

Presentato un ricorso al Tar contro il Pums, acronimo di Piano urbano della mobilità sostenibile: un complesso studio da affidare a urbanisti, ingegneri, economisti e altri esperti per decidere come e cosa pianificare per rendere più vivibile la città e migliorare gli spostamenti di persone e merci. Un gruppo di circa 30 cittadini si è rivolto al Tribunale amministrativo per chiedere l’annullamento della delibera della Giunta Orlando con cui è stato adottato il Piano promosso dall'assessore Giusto Catania e delle note del 16 settembre 2019 con cui i dirigenti comunali dell’area Pianificazione urbanistica e mobilità hanno rigettato in blocco e "senza reale attività istruttoria" le osservazioni, come previsto per legge, fatte da alcuni professionisti sulle scelte dell’amministrazione.

Nell’atto depositato dagli avvocati Nadia Spallitta e Anna Cucina vengono snocciolati in 50 pagine diversi aspetti tecnici sulla procedura seguita, forzata nei modi e nei tempi - secondo i firmatari - per non perdere i finanziamenti statali e "calare" con fretta quanto già di fatto programmato con tram, parcheggi e quant'altro. Tra le principali contestazioni in relazione all’adozione del Piano, si legge, “non risultavano espletate le obbligatorie e preliminari procedure di partecipazione e condivisione con la cittadinanza, non veniva allegato alcun verbale contenente eventuali proposte presentate da cittadini o associazioni portatori di interessi collettivi che invero non erano stati mai coinvolti in nessuna sede predeterminata”.

“Le associazioni di categoria - hanno spiegato l’architetto Massimiliano Giudice, l’ingegnere Roberto Bissanti e l’avvocato Spallitta - non sono state invitate a studiare e riferire quale fosse la loro idea di mobilità urbana. Stessa cosa con i cittadini, che sono stati invitati a due ‘incontri partecipativi’ dopo l’adozione del Piano, relativo a due riunioni avvenute un mese prima in due circoscrizioni e di cui non esiste alcun verbale. Si sarebbe dovuto tenere conto che il Pums, strumento di pianificazione strategica con un orizzonte temporale di 10 anni, deve sviluppare una visione e proporre il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica attraverso la definizione di azioni orientate a migliorare efficacia ed efficienza del sistema mobilità, comprendendo anche il territorio della Città metropolitana e considerando dunque i pendolari e lo spostamento delle merci”.

Oltre a ciò ci sarebbe un altro problema di carattere procedurale che secondo i ricorrenti rischia di impoverire alcuni dei principi previsti del decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 4 agosto 2017 per un atto di programmazione di questa portata, da considerare un “libro dei sogni” frutto di analisi, parametri, criteri e numeri che devono tradursi in scelte politico-amministrative che tendano al miglioramento della qualità della vita. Su questo principio si basa la previsione di un gruppo interdisciplinare per valutare i costi economici e ambientali e gestire i processi di partecipazione con il supporto di personale interno ed esterno all’amministrazione.

“Durante una riunione in commissione Urbanistica precedente all’adozione del Piano - hanno raccontato i professionisti - il Comune ha detto di non avere al suo interno le competenze per fare questo lavoro. Ed è stato messo a verbale. Nel quadro conoscitivo di aprile 2019 non veniva indicato alcun esperto chiamato a contribuire ai lavori, nella versione definitiva di appena due mesi dopo sono comparsi solo i nomi di un docente e un dottorando entrambi di Economia”. L’adozione del Pums dovrebbe inoltre essere dotato del rapporto ambientale (contenente le informazioni sulle caratteristiche del progetto e i suoi probabili effetti significativi sull’ambiente) e quindi della Vas, la Valutazione ambientale strategica.

Il gruppo di cittadini che si è rivolto al Tar ha annunciato che integrerà il ricorso con motivazioni aggiuntive non appena verranno messi insieme i pezzi delle ultime analisi fatte sui dati utilizzati dall’amministrazione. “Ci teniamo a precisare - è stato sottolineato - che non siamo contro il tram e chiaramente vogliamo anche noi che il trasporto pubblico diventi un punto di riferimento per Palermo, ma sono state prese decisioni che consideriamo illogiche e approssimative. Ok alla linea che si collega con l’Università e passa da corso Tukory congiungendosi con la linea 1, non siamo d’accordo con la nuova linea che deve attraversare il centro e via Libertà dove secondo noi funzionerebbero meglio i bus elettrici o altro con costi ben più ridotti”.

Secondo quanto indicato nel ricorso “appare anomala la decisione di far confluire metro e tram sullo stesso asse viario di via Libertà con un aggravio non necessario di costi e con una scelta non giustificata dall’analisi dei flussi veicolari. Il Piano regolatore non prevede questo percorso tranviario e quindi si tratta di una variante urbanistica ad oggi non adottata dal Consiglio comunale, senza Vas e Via, con il rischio di una conseguente illegittimità che può mettere a rischio la certezza dei finanziamenti statali”.

E per concludere: “Il Piano non è corredato - si legge ancora nel ricorso - da alcuna motivazione tecnico-scientifico che consenta di associare le azioni e gli interventi previsti (o esistenti e confermati) con la qualità e la quantità dei risultati raggiungibili nel breve periodo biennale e nell’arco del decennio. Con riferimento alla qualità dell’aria quasi nessuna delle centraline cittadine (di rilevamento, ndr) è funzionante e come si vede analizzando il sito della Rap alla voce ‘qualità dell’aria’, emerge che non vengono trasmessi mensilmente e giornalmente i dati di tutte le centraline ma solo di alcune delle nove dichiarate sul territorio, per cui non si ha alcuna contezza sull’effettiva situazione dell’inquinamento ambientale cittadino”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento