Cronaca

Nonni e nipoti insieme per il riciclo creativo della plastica: al via il progetto "Generazioni virtuose"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Primo appuntamento pubblico sabato mattina a Giardinello del progetto “Generazioni virtuose - azioni di riciclo mai viste”. Un patto tra nonni e nipoti per tutelare l’ambiente, promosso dall’associazione Auser “Francesco Purpura” di Montelepre e sostenuto dalla Fondazione Con il Sud. L’iniziativa, della durata di tre anni, prevede la creazione di una comunità di cittadini attivi nel riciclo e riuso dei materiali plastici.

Le bottiglie e gli involucri raccolti nelle aree extraurbane saranno infatti destinati alla produzione di piastrelle di diverse taglie, colori e forme. Le realizzazione mosaiche, impreziosite con decorazioni creative, troveranno successivamente posto sui muri e nelle scalinate dei comuni partner, in un’ottica di riqualificazione urbana.

I giovani, dopo un’attività formativa, verranno infatti coinvolti nella costruzione della precious plastic: un macchinario che permette di trasformare scarti di materie plastiche in oggetti di uso comune. A tale scopo “Generazioni virtuose” vede coinvolti gli anziani dell’Auser, con esperienze nel settore artigianale, e gli studenti dell’Istituto d’Istruzione superiore “Mario Orso Corbino” di Partinico.

A far da collante saranno le associazioni ed i Comuni. I partner del progetto sono l’Associazione civica balestratese, la Cna Palermo, Liberitutti, il circolo Legambiente “Giuseppe Giordano” e l’associazione Kaleidos Cultura e Natura” di San Cipirello. Hanno aderito inoltre i Comuni di Balestrate, Giardinello, Montelepre e San Giuseppe Jato, dove sono previsti eventi di sensibilizzazione dei cittadini.

Il primo appuntamento è in programma sabato mattina alle ore 10 al parco urbano di Giardinello. Dove alcuni volontari, guidati dalla pro Loco, ripuliranno l’area di via Aldo Moro, che diventerà la prima area “plastic free” del Partinicese e della valle dello Jato. Il progetto, avviato tra i diversi partner a marzo, ha atteso l’arrivo della “zona bianca” per gli appuntamento di incontro e sensibilizzazione delle comunità coinvolte.  

“Generazioni virtuose - fa sapere il coordinatore Gianluca Cangemi di Liberitutti - è un patto sociale che, grazie al Fondazione Con il Sud, ha come scopo l'incontro fra generazioni e lo scambio di competenze finalizzato alla tutela e alla valorizzazione del territorio. La Valle dello Jato, per le sue caratteristiche, rappresenta una sintesi della varietà paesaggistica di tutta la Sicilia e questo vale anche per il paesaggio umano e sociale. Il progetto è stato pertanto concepito come un lievito capace di produrre cambiamenti profondi tanto nell’approccio alle tematiche intergenerazionali quanto nella tutela dell'ambiente. Il macchinario “Precious plastic”, che verrò installato nel piazzale della scuola “Mario Orso Corbino”, sarà anche uno strumento di lavoro che resterà a disposizione della collettività”. 

Ad esprimere soddisfazione è Francesco Tinervia, presidente dell’associazione “Francesco Purpura”: “L’Auser da anni è impegnata nel campo del volontariato con una schiera di cittadini e cittadine che si rendono disponibili ad aiutare in diversi modi ed assistere tutte quelle persone che versano in condizioni di grande disagio. Ma oltre all’assistenza alle persone, siamo impegnati anche nella protezione dei beni comuni come opere d’arte e ambiente, perché il creato è vita ed è il nostro futuro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nonni e nipoti insieme per il riciclo creativo della plastica: al via il progetto "Generazioni virtuose"

PalermoToday è in caricamento