Mercoledì, 16 Giugno 2021
Pamela Villoresi
Cronaca

Villoresi protagonista della prossima stagione del Biondo, è polemica: "Direttrice si dimetta"

La denuncia arriva da Francesco Bertolino, presidente della Commissione Cultura del Comune, che si rivolge anche al Consiglio di amministrazione della Fondazione: "Valutare la possibilità prevista dal contratto, di una verifica dell'operato, per interrompere questa discutibile direzione artistica"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Nella prossima stagione teatrale del Biundo saranno riproposti spettacoli che vedono la direttrice Pamela Villoresi come produttrice e protagonista. A denunciarlo è Francesco Bertolino, presidente della Commissione Cultura del Comune che per questo chiede le sue dimissioni. Un atto dovuto, secondo il consigliere comunale, a seguito della programmazione annunciata per i prossimi mesi. 

"Riconoscendo le indiscusse capacità artistiche della Villoresi e senza entrare nel merito dell'aspetto artistico della stessa proposta, va comunque sottolineato - dichiara il presidente della Commissione Cultura - che essa non rappresenta alcuna novità nel panorama culturale, trattandosi di spettacoli già finanziati e prodotti da altri teatri prima di arrivare a Palermo; riproporre uno spettacolo rifinanziato dalla fondazione che vede la stessa direttrice come protagonista, in un periodo in cui le forzate chiusure legate al periodo pandemico hanno provocato l'attuale drammatico momento per tutto il mondo culturale, è quantomeno - prosegue Bertolino - inopportuno ed è intollerabile che la Villoresi riproponga se stessa in un suo spettacolo già datato, piuttosto che offrire delle opportunità alle tante storiche realtà teatrali e artistiche, e ai tanti nuovi talenti cittadini. Questa scelta di proporre propri spettacoli, purtroppo, è la conferma di quanto avvenuto in questi anni della sua direzione, caratterizzati dallo scarso coinvolgimento delle realtà cittadine e dall'inadeguata capacità di investire sui giovani talenti locali".

Secondo il consigliere quello attuale dovrebbe essere il momento giusto per "voltare pagina e rilanciare le straordinarie eccellenze della nostra città, invece si arriva anche al paradosso che ad una produzione come quella del Marat Sade di Claudio Gioè, sospesa per l'inizio del lockdown, nonostante lo straordinario successo delle prime messe in scena, non venga consentita la sua naturale conclusione". Ma la lista delle presunte colpe della Villoresi non si esaurisce qui. "Ulteriore grave responsabilità ha avuto la stessa Villoresi - attacca ancora Bertolino - per non aver certo contribuito ad una continuità con la scuola di teatro diretta da Emma Dante, estromettendo anche tutti i protagonisti di quella straordinaria esperienza del recente passato". Per tutti questi motivi il consigliere chiede le dimissioni della direttrice. 

"Mi rivolgo al Consiglio di amministrazione della Fondazione, al fine - conclude Bertolino ‒ di poter far valere la possibilità prevista dal contratto, di una verifica dell'operato, analizzando i tanti aspetti critici di questa gestione, per interrompere questa discutibile direzione artistica, consentendo così di rilanciare il Teatro con le sue straordinarie potenzialità locali che, in una fase così delicata, potrebbero certamente contribuire a ridare al Biondo una visibilità nel panorama culturale nazionale, dove oggi risulta pressoché assente".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villoresi protagonista della prossima stagione del Biondo, è polemica: "Direttrice si dimetta"

PalermoToday è in caricamento