Ricercato a Palermo per associazione a delinquere, lo rintracciano a Napoli

In manette un 62enne marocchino: era destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Palermo il 9 novembre 2017

Era stato condannato a cinque anni e 10 mesi di detenzione ed a una multa di 1.300 euro per associazione per delinquere, furto e ricettazione. Ma dal 2017 era introvabile. Lunedì sera gli agenti della seconda sezione della Squadra Mobile di Napoli lo hanno rintracciato nella città partenopea, in via Manzo a Boscoreale. Si tratta di Mohamed Laababi, 62enne marocchino. L'uomo era destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Palermo il 9 novembre 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento