Cronaca Uditore-Passo di Rigano

Riapre il Parco Uditore, volontari provvedono alla disinfestazione

Tramite una nota hanno comunicato di volere utilizzare le risorse ricavate dalla Festa di Primavera per effettuare gli interventi necessari. Il sindaco Orlando, poco prima, si era reso disponibile a utilizzare mezzi e personale della Rap

Il Parco Uditore

L'impegno civile supera le lungaggini burocratiche. E così la settimana prossima il Parco Uditore sarà già riaperto. I volontari hanno annunciato di volere e potere sostenere le spese necessarie per la derattizzazione e la disinfestazione dell'area verde utilizzando i ricavi della Festa di Primavera. Finalmente potranno intervenire "dopo aver ottenuto le autorizzazioni da Demanio Regionale e Corpo Forestale. Il tutto grazie anche alla collaborazione dell'Azienda agm Pulindo Impresa di pulizie e servizi ambientali, che ha ridotto al minimo i costi di intervento". Poco prima della loro comunicazione, il sindaco Orlando si era reso disponibile a risolvere la questione con mezzi e personale della Rap.

Il polverone era stato sollevato pochi giorni fa, quando i volontari del Parco avevano comunicato la necessità di chiudere per tutelare i cittadini. La Regione, secondo quanto riferito, aveva lasciato nel cassetto la richiesta di derattizzazione e disinfestazione risalente a marzo. Sul tema si è espressa anche la vicepresidente vicaria del Consiglio Nadia Spallitta (Mov139): "Ritengo che l'Amministrazione abbia strumenti e poteri per impedire che anche il Parco Uditore debba restare precluso alla cittadinanza, che ha dimostrato in questi anni di avere fame e necessità di verde e possa, avvalendosi delle prerogative del Sindaco (anche attraverso un'apposita ordinanza sindacale in materia sanitaria), utilizzare squadre e mezzi della Rap per garantire l'intervento e restituire alla fruizione collettiva questa parte tanto importante della città".

I tanti volontari avevano già annunciato di volere provvedere autonomamente così da potere riaprire il prima possibile. Quasi simultaneamente alla nota dei volontari, il sindaco Orlando ha comunicato alla città di volere fare la sua parte: "Le lungaggini legate all’approvazione del Bilancio della Regione Siciliana non priveranno tutti noi e i cittadini palermitani della nostra preziosa Conca d'oro". Il primo cittadino e il presidente della Rap Sergio Marino hanno fatto sapere al governatore Rosario Crocetta di essere pronti ad effettuare gli interventi, così da renderlo accessibile e fruibile alla collettività in tempi brevissimi.

Ma il problema del verde, a Palermo, è una tematica delicata e in parte, forse, trascurata. "E' indispensabile - ha proseguito Spallitta - garantire il decoro, determinare tutti gli interventi opportuni per ridimensionare gli impatti negativi in termini di qualità della vita, ripristinare immediatamente i parchi e ridimensionare le nefaste conseguenze provocate dalle opere pubbliche per la mobilità in corso di realizzazione. In questi termini, anche in sede di Bilancio, dobbiamo essere pronti - conclude - ad appostare le misure economiche utili per garantire questi interventi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre il Parco Uditore, volontari provvedono alla disinfestazione

PalermoToday è in caricamento