Altavilla Milicia, riaperto il bar sequestrato al boss

Cambia volto il bar Madonna della Milicia, una terrazza che si affaccia sul Tirreno. Le redini del locale sono adesso nelle mani del pasticcere Salvatore Di Lorenzo

Il locale cambia volto: nella foto, da sinistra, Salvatore Di Lorenzo, Giuseppe Virga e Don Salvo Priola

Un anno fa era stato sequestrato al boss Francesco Lombardo. Adesso il bar Madonna della Milicia, una terrazza che si affaccia sul Tirreno, dal belvedere di Altavilla, rinasce. Nel maggio 2018 infatti la sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo aveva fatto mettere i sigilli perché il proprietario, oggi collaboratore di giustizia, era considerato il reggente della famiglia mafiosa di Altavilla Milicia. Le redini del locale sono adesso nelle mani del pasticcere Salvatore Di Lorenzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla festa di inaugurazione, con musica, spettacolo e degustazioni, erano presenti, tra gli altri, don Salvo Priola, parroco del santuario Madonna della Milicia e Giuseppe Virga, sindaco di Altavilla. Dopo la rituale benedizione del sacerdote, il primo cittadino ha commentato soddisfatto: "Riportare in vita un edificio storico di Altavilla, vera e propria terrazza sul Tirreno è per tutti noi motivo di orgoglio e di riscatto. Auguro a Salvatore Di Lorenzo di riportare in auge il bar Madonna della Milicia, che rappresenta patrimonio di tutti gli altavillesi".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • "Non ce n'è Coviddi!": ecco il videogioco per salvare Mondello dal virus

  • Tony Sperandeo: "Bestemmio ma vado in chiesa, ho superato la mia disgrazia"

  • Droga, furti ed estorsioni col benestare dei boss: due gruppi si dividevano la città, 20 arresti

  • Aveva un tumore al fegato, donna salvata da un intervento all'Ismett

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento