L'assessore Bruno Marziano
Cronaca

Rete studenti medi sicilia: bene 115 milioni di fondi pon su edilizia, vigilare sui progetti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Apprendiamo recentemente, da note rilasciate sui social dall’Assessore Bruno Marziano, della decisione del MIUR di stanziare la somma di 115 milioni di euro circa, per la realizzazione di progetti sull’edilizia scolastica e sulla messa in sicurezza degli edifici adibiti ad uso scolastico, da assegnare tramite progetti PON (Fondi PON 2014/2020 – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale). È una buona notizia – dichiara Flavio Lombardo, coordinatore della Rete degli Studenti Medi Sicilia- ci fa piacere sapere che da Roma si pensi all’agibilità delle scuole siciliane, dato che negli ultimi anni il Governo Regionale non è stato in grado di occuparsi della sicurezza degli istituti scolastici. Purtroppo è un argomento anche troppo ignorato dall'amministrazione, secondo i dati raccolti da Legambiente nel Rapporto del 2016 sull'edilizia scolastica, la nostra Isola risulta l'ultimo luogo in Italia in cui converrebbe andare a studiare, in coda alla graduatoria con dati nazionali. Cita testualmente "un patrimonio edilizio alquanto datato e in condizioni affatto rassicuranti: il 69,7% degli edifici è stato costruito prima del '74, il 20,2% nasce come abitazione, su nessuno è stata eseguita la verifica di vulnerabilità sismica. Le certificazioni mancano a tantissime scuole. Infatti solo il 36,7% ha quella di collaudo statico, il 35,2% di idoneità statica, il 22,1% di agibilità e il 32,8% di prevenzione incendi." Questa è solo una parte infinitesimale dell'enorme deficit che interessa le scuole della regione.

Abbiamo già avuto esperienza di fondi di provenienza ministeriale, o addirittura Europea, stanziati per la messa appunto degli edifici scolastici, che a causa della lentezza burocratica di organi amministrativi provinciali e regionali sono stati persi, sprecando in questo modo importanti occasioni per le scuole siciliane. Per questo ci auguriamo che questi soldi non vadano perduti e che quindi si vigili molto attentamente sul ruolo delle Province e dei Consorzi, in quanto destinatari di eventuali fondi riguardanti istituti di istruzione superiore di secondo grado. Chiaramente si parla di somme che, anche in potenza, nella migliore delle ipotesi, non sarebbero sufficienti a risolvere più che singole emergenze locali, e non una situazione di disagio complessiva. Ci aspettiamo infatti che il Ministero prenda in mano più spesso la questione delle scuole siciliane, dato che la Regione Sicilia sembra impossibilitata a farlo. Ci aspettiamo al più presto una legge regionale sul diritto allo studio, che preveda anche un osservatorio per l'edilizia che si occupi di raccogliere dati che ad oggi non sono minimamente presi in considerazione, avviando un progetto a lungo termine ed investendo i fondi necessari per rimettere in piedi le scuole della Sicilia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete studenti medi sicilia: bene 115 milioni di fondi pon su edilizia, vigilare sui progetti

PalermoToday è in caricamento