Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Pretoria

"Stop movida selvaggia, vogliamo notti serene": cittadini in piazza Pretoria "armati" di cuscini

Singolare protesta per rivendicare "rispetto delle regole e controllo, due concetti che sembrano sconosciuti anche alla nostra amministrazione comunale”

In piazza con cuscini e coperte per chiedere di dormire sonni tranquilli e dire "basta" alla movida selvaggia. E' la singolare protesta organizzata per oggi in piazza Pretoria, davanti alla sede del Comune, da un gruppo di palermitani. “Nel centro storico dorme solo la legalità” sarà solo uno degli slogan che caratterizzerà il flash mob. 

“Sono tanti i punti che vanno discussi – spiega Claudia Perricone, portavoce del gruppo che su Facebook conta ormai 1600 aderenti – che non riguardano solamente noi che abitiamo il centro storico. Quando noi chiediamo regolamentazione della movida selvaggia, la chiediamo anche per chi vive il centro storico nei fine settimana. Non comprendiamo perché non controllare i locali con musica all’impazzata, moto e auto che rombano, schiamazzi e danneggiamento degli arredi urbani conseguenti all’uso e abuso di alcol, come anche il parcheggio selvaggio in aree e isole pedonali. Tutto questo genera continuo degrado, offendendo la nostra città. Il tutto con l’assoluta indifferenza e inerzia da parte della nostra amministrazione comunale”.

I citatdini dicono "basta alle vergognose condizioni in cui versano tante zone del nostro centro storico: Vucciria, piazza Sant’Onofrio, Candelai, Ballarò, piazza Sant’Anna, piazza Rivoluzione" e rivendicano il "diritto ad aprire le finestre durante l’estate senza essere impossibilitati a parlare per la troppa confusione, a rientrare a casa certi di non essere aggrediti da chi ha abusato indiscriminatamente di alcool, a vedere rispettare le isole pedonali impedendo la transumanza della movida da un luogo all’altro. Rispetto delle regole e controllo, due concetti che sembrano sconosciuti anche alla nostra amministrazione comunale”.

I manifestanti precisano di non essere "contro la vitalità che viene dagli artisti che amano esibirsi in tutto il centro storico, ma contro l’amplificazione che disturba non solo il sonno ma anche le ore diurne degli abitanti, dal momento che le performance musicali ormai si tengono anche di giorno. Basta prendere come riferimento tante altre città d’Italia e dell’Europa in cui tutto questo si svolge in zone adibite a piccoli e grandi concerti, dove non ci sono palazzi attorno e nessuno subisce spiacevoli conseguenze".

“Rispetto al caos che si genera davanti ai locali - aggiunge Perricone – perchè l’amministrazione comunale non ragiona su degli aiuti concreti da dare ai gestori che si impegnano realmente a controllare quanto accade davanti ai  loro occhi? Incentivi, sgravi fiscali, che diano sollievo all’economia locale, creando ulteriori condizioni per rendere virtuosamente vivibile il centro storico. Mi piacerebbe, infatti, vivere in quell’isola felice di cui tanto parla il nostro sindaco, ma che ancora oggi è solo un’ipotesi progettuale sulla cart Chi, dunque, vorrà unirsi a una battaglia che è principalmente di civiltà, rispetto e amore per la nostra bella Palermo, faccia un salto a piazza Pretoria, con o senza cuscini alla mano. Sarà il modo per dimostrare l’amore per la nostra città, chiedendo all’amministrazione comunale di fare altrettanto, tutelando e garantendo la sicurezza e il benessere dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stop movida selvaggia, vogliamo notti serene": cittadini in piazza Pretoria "armati" di cuscini

PalermoToday è in caricamento