Al Cervello reparti interdetti o sottoutilizzati, Giaconia e Maraventano: "Vanno riattivati"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Riattivare prima possibile i reparti dell’ospedale Cervello, ancora interdetti agli utenti o sottoutilizzati. E' questa la sintesi di una lettera indirizzata all’assessore regionale alla Salute e ai direttore dell’ Ospedale Cervello, e per conoscenza al governatore Musumeci e il sindaco Orlando, anche "a nome a nome di tutti coloro che necessitano di cure ed assistenza medica", a firma del presidente della Sesta circoscrizione Michele Maraventano e del consigliere comunale Massimo Giaconia del gruppo "Avanti Insieme".

"Sfuggono alla comprensione di tutti noi osservatori - dichiarano Maraventano e Giaconia -  le ragioni del protrarsi all’interno dell’ospedale di tale situazione di emergenza, che tanti problemi di vitale importanza sta arrecando a quanti necessitano di assistenza e cure mediche, mentre si assiste al progressivo ritorno alla normalità, pur nel rispetto di alcune limitazioni relative all’opportuno distanziamento interpersonale e alla protezione individuale, delle consuete attività della vita lavorativa e sociale". 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento