rotate-mobile
Cronaca

La Regione scommette sulle Fondazioni di Istruzione tecnica superiore, in arrivo 3 milioni

Crescono gli investimenti nell'istruzione terziaria non universitaria". L'assessore all'Istruzione Roberto Lagalla: "Servono competenze tecniche per far fronte alla sfida imposta dai mercati"

Oltre 3 milioni di euro per la realizzazione dei nuovi percorsi formativi delle Fondazioni di Istruzione tecnica superiore (Its). E' la "scommessa" dell’assessorato regionale all’Istruzione e alla formazione professionale, che punta su questi istituti. Infatti, secondo gli ultimi dati statistici dell’Agenzia Indire, circa l’80% dei ragazzi che hanno frequentato un istituto tecnico superiore sicliano nell’ultimo anno ha trovato occupazione al termine del percorso formativo. Un dato rilevante e confermato anche dall’ultimo rapporto Ocse, secondo il quale il tasso di occupazione per chi sceglie gli Istituti tecnici superiori è dell’82%, a conferma dell’elevato gradimento del mercato verso questi tecnici specializzati. La specifica e avanzata formazione tecnologica, garantita dagli I.T.S., favorisce l’assorbimento occupazionale nei settori  aziendali ad elevata innovazione e viene in contro all’esigenza di miglioramento produttivo delle aziende.

"La Regione ha ritenuto di investire sugli Its – spiega l’assessore all’istruzione e alla formazione professionale Roberto Lagalla – poiché servono competenze tecniche per far fronte alla sfida imposta dai mercati. E’ quindi necessario rafforzare il sistema di istruzione terziaria non universitaria, soprattutto per gli studenti provenienti dagli istituti tecnici e professionali, al fine di promuovere l’acquisizione di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche, in linea con i fabbisogni delle imprese e per favorire i processi di innovazione e sviluppo del territorio regionale. Si concretizzano, in tal modo, per molti giovani siciliani, nuove e più concrete possibilità d’inserimento professionale, come del resto è già avvenuto lo scorso anno. Il tema dell’avanzamento delle competenze e la coerenza di queste con i fabbisogni della catena produttiva costituisce la sfida dei modelli formativi e rappresenta un processo inarrestabile che può offrire alla Sicilia importanti opportunità solo se riusciremo ad investire tempestivamente e consistentemente nella giusta direzione".

Attraverso le Fondazioni Its. si favorisce infatti un più stretto raccordo tra territorio e formazione, tra opportunità occupazionali e acquisizione di competenze, ampliando e innovando il ventaglio percorsi formativi da proporre agli studenti giovani e adulti. "L’offerta formativa di Istruzione tecnica superiore - precisano dalla Regione - consente di realizzare percorsi biennali per il conseguimento di un diploma di tecnico superiore - collocati nel V livello Eqf (Quadro Europeo delle Qualificazioni) da avviare nell’annualità 2019/20. Le proposte degli Its sono rivolte a giovani e adulti, residenti o domicilianti in Sicilia, occupati o disoccupati, attraverso un sistema che mette in rete istituzioni scolastiche e formative, imprese, Università, centri di ricerca ed enti locali. L’obiettivo è di rafforzare le relazioni tra sistema produttivo e sistema educativo di istruzione e formazione tecnico superiore di terzo livello nella Regione Siciliana; promuovere le specializzazioni e le complementarietà dei soggetti formativi in rete tra loro e con le imprese, sia su base territoriale che su base nazionale. Altro obiettivo è quello di riuscire ad incoraggiare uno sviluppo sostenibile e rinnovabile, con particolare riferimento alle strategie per la green economy e la blue economy; rafforzare le competenze tecniche dei giovani per favorire la competitività del tessuto produttivo dell’isola, per la formazione di figure professionali coerenti con le esigenze proposte dall’azione nazionale Industria 4.0".

Ogni Fondazione Its, già costituita e accreditata alla Regione Siciliana, potrà presentare un numero massimo di tre percorsi formativi entro il 25 novembre 2019.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione scommette sulle Fondazioni di Istruzione tecnica superiore, in arrivo 3 milioni

PalermoToday è in caricamento