rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Caccia, ricorso respinto dopo 17 anni “Ma l’area interessata non c’è più”

Due associazioni animaliste, Lac e Lav, chiedevano sospendere l'abbattimento di volpi e cornacchie in un'area faunistica. La Regione ha impiegato 15 anni e tre mesi per arrivare alle conclusioni

Diciassette anni. E’ quanto ha impiegato la Regione per valutare e respingere il ricorso di due associazioni animaliste che chiedevano di sospendere l'abbattimento di volpi e cornacchie nei pressi di un’area faunistica. “Solo che - sottolineano Lac e Lav al Corriere del Mezzogiorno on line - non esiste più la zona di ripopolamento e cattura e neppure la vecchia legge regionale sull'attività venatoria, in base alla quale era stato fatto il ricorso”.

Secondo quanto riportato nell’articolo "prima di concludere la lunga trafila burocratica, l'ufficio legislativo e legale della Regione ha chiesto un parere al Cga (Consiglio di giustizia amministrativa) che lo ha rilasciato dopo appena due mesi. Gli uffici regionali hanno impiegato poi altri 15 anni e tre mesi per arrivare alle conclusioni ora comunicate ai ricorrenti".

Ironico il legale delle due associazioni, Pasquale Dante, che si chiede se in questo caso si è davanti a  “caso di buon andamento della pubblica amministrazione, come richiede l'art. 97 della Costituzione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia, ricorso respinto dopo 17 anni “Ma l’area interessata non c’è più”

PalermoToday è in caricamento