Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

Blitz dei carabinieri della stazione di Partanna Mondello. Denunciato un 52enne che stava effettuando degli interventi di ristrutturazione per una ditta edile. Nei guai anche il suo datore di lavoro

Usufruiva del reddito di cittadinanza ma lavorava in nero. Blitz dei carabinieri, nei guai un palermitano di 52 anni. E' successo a Sferracavallo. L'uomo è stato sorpreso mentre stava effettuando degli interventi di ristrutturazione per una ditta edile. In azione i militari della stazione di Partanna Mondello, intervenuti insieme al personale del nucleo ispettorato del lavoro.

"I militari - spiegano dal comando provinciale - sono entrati in azione per verificare le disposizioni in materia di reddito di cittadinanza. Dopo un'attività investigativa è scattato il controllo dal quale è emerso che il 52enne, beneficiario del reddito di cittadinanza, e per il quale gli era stata già corrisposta la somma di 300 euro (dei 1.000 che complessivamente avrebbe percepito, ndr), svolgeva prestazioni in nero. La ditta in questione non era iscritta alla Camera di commercio e così il titolare è stato deferito perché responsabile di 'omessa visita medica e formazione del personale, mancata redazione del piano operativo di sicurezza e nomina del medico competente'. Inoltre gli è stato notificato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri hanno infine riscontrato la presenza di un'altra società edile che impiegava un altro lavoratore in nero. Per questo è scattato un altro provvedimento di sospensione dell’attività nei confronti della società. "Alla fine dei controlli - chiudono da comando provinciale - la carta acquisti è stata sequestrata e sono state elevate sanzioni per 7.200 euro ed ammende in fase di quantificazione, stimate intorno a 60 mila euro". Si tratta del secondo caso in pochi giorni. Due settimane fa infatti due coniugi sono stati denunciati dai carabinieri in un comune delle Madonie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento