rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca Montepellegrino / Via Montalbo

L'Usb si mobilita per la difesa del Reddito di cittadinanza, manifesti e volantinaggi anche a Palermo

Gli attivisti della Federazione del sociale hanno già fatto tappa in alcuni mercati popolari, come quello di Ballarò e di via Montalbo. "Il restringimento degli aventi diritto rischia di lasciare centinaia di migliaia di persone senza sostentamento e li costringerà ad accettare lavori con paghe indegne"

E' scattata la mobilitazione della Federazione del sociale di Usb (Unione sindacale di base) per la difesa del Reddito di cittadinanza: sabato sono iniziati i volantinaggi nei mercati popolari - a Ballarò e in via Montalbo - e alcuni punti della città sono stati tappezzati di manifesti.

"Il restringimento della platea degli aventi diritto rischia di lasciare centinaia di migliaia di persone in pochi mesi senza alcuna fonte di sostentamento", scrive in una nota l'Usb contestando apertamente le politiche del governo Meloni. Per contraddire la retorica più ricorrente "secondo cui il Reddito di cittadinanza favorirebbe gli scansafatiche, invogliati a stare sul divano", gli attivisti dell'Usb analizzano i dati: "La maggior parte dei percettori sono persone che in effetti già lavorano ma ricevendo in cambio salari e stipendi così bassi da restare comunque in stato di povertà. La maggior parte dei sussidi sono concentrati al Sud, nelle stesse regioni che vedono il più alto tasso di emigrazione lavorativa. Oppure, come a Palermo, dove 13 mila giovani si candidano per un impiego alla Rap pur di provare a lavorare".

"La battaglia a difesa del Reddito - conclude la Federazione del sociale di Usb - non riguarda solo i percettori e i disoccupati: riguarda tutti perché l’esistenza o meno di una misura del genere trasforma il mercato del lavoro, migliorando i salari e producendo lavoro di qualità. Il Reddito di cittadinanza esiste, anche se con nomi diversi, in tutta Europa, anche in paesi più ricchi e produttivi dell’Italia. Laddove è accompagnato anche da leggi sul 'salario minimo orario' ha creato ricchezza, aumentato i consumi, alzato i salari, ridotto le situazioni di estrema povertà esistenziale. In Italia e soprattutto al Sud, dove gli stipendi sono tra i più bassi d'Europa, il Rdc offriva alle persone la possibilità di rifiutare lavori dalla paga indegna. Senza il Reddito di cittadinanza in tantissimi saranno costretti ad accettare anche le offerte di lavoro più ridicole e schiaviste, da 500 o da 600 euro al mese". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Usb si mobilita per la difesa del Reddito di cittadinanza, manifesti e volantinaggi anche a Palermo

PalermoToday è in caricamento