rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Terrasini

Oli esausti abbandonati in spiaggia a Terrasini, interviene Ciccio Kayak

Prima del suo consueto giro l'amico del mare e nemico dei rifiuti ha notato due bidoni di plastica blu sulla Praiola: è riuscito a recuperarli in tempo, affidandoli alla guardia costiera

Due bidoni di oli esausti abbandonati sulla spiaggia della Praiola di Terrasini che avrebbero potuto causare più di qualche problema all’ecosistema. A recuperare quei 10 litri, divisi in due bidoni blu, è stato l’amico della natura e nemico dei rifiuti, Ciccio Kayak, che prima del suo consueto giro in mare ha notato quei contenitori di plastica e ha avvisato le forze dell’ordine. "Mi chiedo che gli sia passato per la testa del responsabile di tutto ciò. Se non me ne fossi accorto, visto che erano aperti, il maestrale se li sarebbe portati in mare".

Poco dopo aver lanciato l’allarme sul posto sono arrivati gli uomini della capitaneria di porto, che hanno sequestrato i bidoni per smaltirli come previsto dalla legge. "Si trattava di acque di sentina - spiega il tenente di vascello della guardia costiera Stefano Lamanna - e quindi degli oli che vengono prodotti dal motore. La normativa prevede che vengano affidati a dei consorzi specializzati o portati nelle isole ecologiche". Qualora quei contenitori di plastica blu si fossero aperti, il liquido si sarebbe potuto versare in mare. "Più grave sarebbe stato se si fossero aperti sulla spiaggia, dove avrebbero potuto causare dei problemi alla costa. Trattandosi di oli - continua Lamanna - avrebbero galleggiato in mare e, con un po’ di difficoltà, si sarebbero potuti recuperare".

Missione compiuta, dunque, per Ciccio Kayak, che ha ancora una volta è riuscito a dare il proprio contributo per salvaguardare l’ambiente in quel di Terrasini, recuperando inoltre altri due sacchi dell’immondizia neri lasciati sulla scogliera. La voglia di dare il proprio contributo, in lui, è sempre tanta, nonostante sembri che tanti dei suoi compaesani non siano dello stesso avviso. "Non demordo e anzi voglio fare di più. Cercherò di organizzare dei progetti con le scuole - spiega Ciccio Kayak - e delle fiaccolate in mare, per sensibilizzare i più giovani e coinvolgere gli altri, cercando di fare capire a più gente possibile quanto sia importante proteggere il mare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oli esausti abbandonati in spiaggia a Terrasini, interviene Ciccio Kayak

PalermoToday è in caricamento