Paura in una casa famiglia a Ballarò, in due minacciano operatori e portano via un bimbo

Non è escluso che a rapirlo possano essere stati dei parenti. La madre infatti, ospite di un'altra struttura, è irrintracciabile da due giorni. Ricerche della polizia in corso, interrogati anche i responsabili della comunità per minori

Polizia a Ballarò (foto archivio)

Bimbo ivoriano di quasi 3 anni portato via da una comunità alloggio. E’ accaduto intorno ieri nella zona di Ballarò dove, a partire dalle 20, diverse volanti di polizia hanno avviato le ricerche del piccolo e della giovane madre, una diciassettenne ospite di un’altra struttura convenzionata con il Comune e della quale non si hanno notizie da ieri mattina.

Secondo una prima ricostruzione pare che due uomini di colore, forse connazionali del piccolo, siano entrati nella comunità e siano riusciti a rapirlo dopo aver minacciato gli operatori della stessa struttura. Poi la fuga. Sembrerebbe che nessuno abbia sentito il bambino urlare. Due le piste vagliate al momento dagli investigatori: la prima è che il piccolo, data la giovanissima età, non si sia reso conto di ciò che stava accadendo e quindi non abbia neanche pianto; la seconda ipotesi è che conoscesse i due uomini, forse perché suoi parenti, e dunque si sia sentito al sicuro fra le loro braccia.

Aggiornamento: rintracciati madre e figlio, erano pronti a fuggire

A quasi un giorno dall’accaduto manca ancora all’appello anche la giovane madre del bambino che da tempo viveva in un’altra struttura. Non è chiaro come mai i due fossero stati separati e perché avessero sistemazioni diverse. Dopo i primi accertamenti gli investigatori non hanno potuto escludere che dietro il rapimento ci sia proprio la mamma che voleva riabbracciare il proprio figlio.

La polizia sta interrogando gli operatori, il gestore della comunità e i tutori ai quali erano stati affidati il piccolo e la mamma. I responsabili della struttura, contattati telefonicamente dalla redazione di PalermoToday, hanno preferito non rilasciare alcuna dichiarazione per chiarire come siano andate le cose: "Ci sono delle indagini in corso". A seguire personalmente la vicenda anche l’assessore comunale alla Cittadinanza sociale Giuseppe Mattina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento