Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Sette violente rapine messe a segno in poco più di 2 mesi: tre arresti

Polizia e carabinieri hanno fatto luce su episodi avvenuti tra il 4 gennaio e il 14 marzo. In un caso i tre avrebbero preso di mira una coppia di anziani, sorpresi in casa e costretti a consegnare la pensione sotto la minaccia di un coltello

Rapina, sequestro di persona, lesioni personali e indebito utilizzo di carte di credito. E' la lunga lista di accuse mosse a tre uomini, arrestati dagli agenti di polizia del commissariato "Oreto Stazione" e dai carabinieri della Stazione Scalo. In manette G.A., 32 anni; A.L., 36 anni (entrambi già detenuti) e G.T. , 37 anni.

Le indagini si sono concentrate su diversi e gravi episodi di rapina pluriaggravata in concorso accaduti in città in un arco temporale piuttosto ristretto: dal 4 gennaio al 14 marzo scorso. "Un’escalation criminale - dicono gli inquirenti - che ha fatto emergere negli indagati una particolare e intensa propensione alla commissione di gravi reati, compiuti per altro con modalità estremamente violente".

Vittime delle rapine, definite "efferate", sono stati titolari di esercizi commerciali ma anche privati cittadini. I colpi sono avvenuti anche in casa, come quando a essere colpita è stata una coppia di anziani "costretti dietro minaccia di un coltello a consegnare ai malviventi la pensione appena riscossa". Gli investigatori si sono quindi messi immediatamente sulle tracce dei malviventi, avviando meticolose indagini che hanno permesso di raccogliere "numerosi elementi di prova, supportati altresì dall’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza delle aree cittadine teatro degli eventi delittuosi e dalle dichiarazioni rese dalle vittime, con contestuale individuazione fotografica degli autori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sette violente rapine messe a segno in poco più di 2 mesi: tre arresti

PalermoToday è in caricamento