Supermercati e distributori di benzina, rapinatori scatenati: tre colpi in pochi giorni

Nel mirino due punti vendita delle catene Decò e Conad e un impianto Eni di via Ernesto Basile. Sui tre episodi indagano gli agenti di polizia che hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza

Il supermercato Decò di via Gaetano Lo Verde (foto archivio)

Due supermercati e un distributore di carburante nel mirino dei rapinatori. Sono tre i colpi messi a segno la scorsa settimana e sui quali adesso indagano gli agenti di polizia. L'ultimo in ordine cronologico è stato quello al punto vendita Decò di via Gaetano Lo Verde, la stradina che collega via Leonardo da Vinci a via Giotto. Due persone sono entrate intorno alle 19 di sabato lasciando intendere di essere armate, si sono fatte consegnare l'incasso - circa 300 euro euro - e sono scappate a piedi.

Le altre due rapine risalgono invece a mercoledì. La chiusura del Conad di via Cipolla era vicina e un'altra giornata di lavoro stava per concludersi, ma intorno alle 20 due giovani - uno dei quali armato di pistola - hanno fatto irruzione nel market e hanno minacciato i dipendenti. In pochi minuti sono riusciti a farsi consegnare un bottino da 200 euro e sono fuggiti, raggiungendo con ogni probabilità un mezzo parcheggiato nella vicina via Archirafi per allontanarsi e fare perdere definitivamente le proprie tracce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appena due ore dopo, intorno alle 22, le volanti di polizia sono intervenute in via Ernesto Basile per una rapina all'impianto Eni. A lanciare l'allarme è stato un dipendente che ha riferito agli investigatori di essere stato sorpreso alle spalle da un giovane che lo ha costretto a consegnargli l'incasso (circa 200 euro). L'uomo non è riuscito a fornire alcuna descrizione del malvivente, ricordando soltanto un dettaglio: le frasi urlate in dialetto con un marcato accento palermitano. Su tre episodi indaga la polizia che ha acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

Torna su
PalermoToday è in caricamento