Pistola e coltello, le sere da incubo di un distributore di via Basile: rapinato due volte in 24 ore

Nel mirino di una coppia di malviventi l'impianto Eni che si trova vicino alla cittadella universitaria. Entrambi gli assalti sono stati ripresi dalle telecamere. Sui due episodi indagano polizia e carabinieri

Due rapine messe a segno nello stesso posto a distanza di 24 ore l’una dall’altra, prima con una pistola e poi con un coltello, qualche centinaio di euro di bottino e il sospetto che a colpire sia sempre la stessa coppia di banditi. Due gli episodi avvenuti la scorsa settimana. Nel mirino un distributore di benzina Eni di via Ernesto Basile, a pochi passi dalla cittadella universitaria, dove i dipendenti sono stati minacciati con le armi.

Il primo colpo risale alla sera del 3 aprile, mercoledì scorso, intorno alle 22. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori due malviventi hanno fatto irruzione nell’impianto con il volto coperto da passamontagna e scaldacollo. Uno dei rapinatori ha impugnato una pistola, l’ha puntata contro uno degli impiegati e lo ha costretto a consegnare i contanti. I malviventi sono quindi scappati a piedi in direzione del Villaggio Santa Rosalia con il bottino in tasca.

Appena un giorno dopo il copione si è ripetuto. In scena è andata con ogni probabilità la stessa coppia di rapinatori, questa volta senza pistola ma con un grosso coltello. Stando al racconto di un testimone uno dei malviventi, temendo forse una reazione, avrebbe provato a colpire un impiegato con la lama. La vittima ha fatto un rapido balzo all’indietro ed è riuscito a schivare il fendente per pochi centimetri. Poi la fuga dei banditi che hanno fatto perdere le proprie tracce al Villaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la prima rapina sono intervenute le volanti di polizia, mentre per la seconda è toccata alle pattuglie dei carabinieri. In entrambi i casi gli investigatori hanno ascoltato il racconto dei dipendenti e acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza che hanno ripreso ogni fase degli assalti. Al vaglio i video che potrebbero dunque svelare qualche dettaglio utile per dare un nome e un volto ai responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento