Seguiva le donne sole, poi rubava bancomat e pin e andava a prelevare: arrestato

La polizia ha arrestato un pregiudicato palermitano, Oscar Arcuri, di 40 anni. L'accusa: "Ha commesso tre rapine e quattro furti tra le zone di via Libertà e viale Strasburgo". Decisivi alcuni dettagli immortalati delle telecamere di videosorveglianza come i tatuaggi sulle braccia

Un frame che vede protagonista Arcuri mentre preleva

Le sue vittime preferite erano le donne, anziane e soprattutto "sole". La polizia ha arrestato un pregiudicato palermitano, Oscar Arcuri, di 40 anni. E'  ritenuto responsabile di una serie di rapine e furti, nonché di indebiti utilizzi di carte di credito. Gli agenti del commissariato di San Lorenzo hanno arrestato Arcuri eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Palermo, al termine di serrate indagini.

Con lo scooter seguiva le donne e poi le rapinava | Video

"Il 40enne - dicono dalla questura - si è reso responsabile di tre rapine, quattro furti e numerosi utilizzi indebiti delle carte di credito rubate alle vittime dei suoi reati. L’uomo, che agiva prevalentemente nelle zone residenziali della città come il quartiere Libertà e la zona di viale Strasburgo. Dopo aver individuato donne sole, spesso anziane, al volante delle loro auto, le seguiva e nel momento in cui fermavano la marcia del mezzo o si accingevano a posteggiare, entrava in azione e con destrezza, ma in alcuni casi anche in modo violento, si impossessava delle borse custodite in macchina. In qualche occasione Arcuri ha anche rubato dei preziosi indossati dalle vittime, per poi darsi alla fuga a bordo di un ciclomotore. In alcuni casi, trovando all’interno delle borse, carte di credito con il relativo codice pin, si fermava negli sportelli Atm per prelevare contanti".

Gli agenti sono riusciti a individuarlo grazie ad un’attenta visione delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza installate nei pressi dei luoghi dove venivano consumati i reati, che in alcuni casi hanno immortalato tutti i frangenti dei blitz del malvivente. "Nelle immagini si vede l’auto della vittima - hanno ricostruito dalla questura - seguita a breve distanza da un uomo a bordo di uno scooter bianco, che approfittando di una momentanea sosta del mezzo, si accostava al finestrino e in un attimo con una mossa fulminea, sorprendendo l’ignara vittima, si appropriava della borsa poggiata sul sedile del passeggero per poi fuggire".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ulteriori conferme e riscontri sull’identità del malvivente sono stati acquisiti anche dalla visione delle immagini delle telecamere installate negli Atm, dove Arcuri si era recato per prelevare i contanti utilizzando le carte di credito delle vittime. I fotogrammi estrapolati hanno inchiodato Arcuri. Decisivi alcuni dettagli come alcui particolari somatici: ad esempio i vistosi tatuaggi sulle braccia, che da subito hanno indirizzato gli investigatori sul 40enne palermitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento