menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"La profumoteca" di via San Lorenzo (foto Google)

"La profumoteca" di via San Lorenzo (foto Google)

Raffica di rapine in città, nel mirino una profumeria e due farmacie

Malviventi in azione da San Lorenzo a Borgo Nuovo. Mentre alla farmacia "La Rizza" il colpo è fallito, i banditi sono riusciti a portare via i contanti dalla "Virga", che ha subito quattro colpi in pochi mesi. Di cento euro il bottino rubato a "La profumoteca"

Raffica da rapine in città, da San Lorenzo a Borgo Nuovo e passando per via Leonardo da Vinci. Sono tre gli episodi registrati nel pomeriggio, quando nel mirino dei malviventi sono finite due farmacie e una profumeria. Il primo colpo, quello alla farmacia La Rizza di viale Piazza Armerina, è l’unico che non è stato messo a segno. Due uomini sono entrati lasciando intendere di essere armati e poi hanno puntato dritti verso le casse nel tentativo di farsi consegnare i contanti. Qualcosa però è andato storto e i rapinatori sono fuggiti a mani vuote.

Poco dopo, in via Leonardo da Vinci, è entrato in azione un bandito "solitario". E’ tornato a colpire la farmacia Virga, anche in questo caso lasciando credere ai dipendenti dell’esercizio commerciale di avere un'arma in tasca. Minacciando i presenti si è fatto consegnare il bottino, che ammonterebbe a circa 50 euro. Per questa attività, che si trova al civico 338, si tratta del quarto colpo subito nel giro di pochi mesi. Non è comunque da escludere che l’uomo avesse dei complici fuori ad attenderlo, che potrebbero essere gli stessi della rapina fallita poco prima a Borgo Nuovo.

La terza rapina, invece, è avvenuta in via San Lorenzo. Due uomini sono entrati poco prima della chiusura nell’esercizio commerciale "La protomoteca" e minacciando i dipendenti si sono fatti consegnare il denaro custodito in cassa: il bottino ammonterebbe a poco più di 100 euro. Sull’episodio indagano gli agenti di polizia, che oltre ad avere ascoltato le testimonianze dei presenti avrebbero visionato le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza del negozio e quelle delle attività vicine, a caccia di un indizio, di un'auto o di un qualunque dettaglio utile per risalire ai rapinatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento