rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Le scuse dopo gli assalti alle farmacie, condannato "rapinatore gentiluomo"

Il gup Nicola Aiello ha inflitto 4 anni e 8 mesi di reclusione con il rito abbreviato a Santo Violante, 41 anni. Sarebbe lui il responsabile di 5 colpi messi a segno tra il 12 settembre e il 3 novembre dell'anno scorso

Cinque rapine in altrettante farmacie della città in poco meno di due mesi. Santo Violante, 41 anni, secondo la Procura, entrava nelle attività commerciali con un grosso coltello da cucina e arraffava il denaro che trovava nelle casse, cifre tra i 160 ed i 600 euro. E, in un caso, avrebbe anche telefonato a uno dei farmacisti per scusarsi: “Mi dispiace per quello che ho fatto, restituirò i soldi alla fine del mese”, così avrebbe detto il presunto rapinatore.

Le sue scuse non sono servite a evitargli la condanna: stamattina infatti il gup Nicola Aiello gli ha inflitto quattro anni e otto mesi di reclusione con il rito abbreviato. Il giudice ha riconosciuto a Violante le attenuanti generiche, in quanto l’imputato ha restituito nel frattempo 600 euro ad una delle farmacie che avrebbe svaligiato.

I colpi, secondo l’accusa, sarebbero stati messi a segno tra il 12 settembre e il 3 novembre dell’anno scorso. Le farmacie finite nel mirino dell’imputato sarebbero la “Salus” di piazza Montalto (bottino 160 euro), il 16 settembre la “Quattrocchi” di piazza Bologni (bottino 550 euro), il 17 ottobre l’”Antica farmacia Cavour” nell’omonima via del centro (bottino 450 euro), il 22 ottobre la “Calì” di via Maqueda (bottino 300 euro) e infine di nuovo la “Quattrocchi” (bottino 300 euro). Alla “Salus” Violante avrebbe telefonato per chiedere scusa del suo gesto, mentre la farmacia che l’imputato ha risarcito è quella di via Cavour. Violante, dopo essere stato arrestato e aver trascorso un periodo in carcere, si trova al momento ai domiciliari in una comunità di recupero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le scuse dopo gli assalti alle farmacie, condannato "rapinatore gentiluomo"

PalermoToday è in caricamento