Le rapine in banca con la parrucca e i clienti in ostaggio: presa banda di palermitani

Colpi da 300 mila euro a Milano: in manette cinque trasfertisti. Sono stati individuati e bloccati all'alba di oggi dalla Squadra mobile del capoluogo lombardo. I blitz risalgono ai mesi di maggio e agosto 2019: nel mirino le agenzie di Ubi Banca

La polizia arriva dopo una rapina all'Ubi - Foto Eugenio Marchitelli - Milanotoday

Una banda di rapinatori è finita in manette a Palermo dopo un'indagine condotta dalla polizia che ha ricostruito quattro assalti, tre messi a segno e uno tentato, avvenuti tutti a Milano, a danno di agenzie di Ubi Banca. I colpi risalgono ai mesi di maggio e agosto 2019 e hanno fruttato complessivamente 298 mila euro. La banda di "rapinatori trasfertisti" è stata individuata e bloccata all'alba di oggi dalla Squadra mobile di Milano in collaborazione con l'omologa sezione palermitana, entrambe coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano.

"Mi servono due mastri, gente pratica": le intercettazioni | VIDEO

Gli assalti erano stati messi a segno tutti con lo stesso identico copione: dall'irruzione alla fuga con i soldi, lasciando gli ostaggi chiusi in uno stanzino. L'ultimo colpo risale allo scorso agosto. In quella occasione due palermitani entrarono in banca a volto scoperto e con una parrucca in testa verso l'orario di chiusura per poi ordinare a tutti i presenti, cinque clienti e due dipendenti, di stare fermi. I banditi li hanno quindi accompagnati in una stanza, li hanno immobilizzati legandoli mani e piedi e li hanno lasciati all'interno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto, i malviventi hanno arraffato i soldi dalle casse e hanno atteso che si aprissero i "caveau" temporizzati. A blitz concluso - circa quaranta minuti dopo - i palermitani sono fuggiti a piedi e hanno fatto perdere le proprie tracce con il bottino. Poi le lunghe indagini e oggi gli arresti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento