menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggressioni con le mazze, rapine e un folle inseguimento fino allo Zen: arrestato

In manette un pregiudicato di 24 anni. I fatti risalgono allo scorso 25 luglio. Avrebbe seguito, picchiato e derubato tre automobilisti in meno di un'ora per poi ingaggiare dare vita a un inseguimento con la polizia

Ha un nome e un volto uno dei componenti del commando che il 25 luglio dello scorso anno ha seminato il panico tra gli automobilisti tra via dell'Olimpo e via Resuttana, mettendo a segno due rapine e fallendone una terza in poche ore. La polizia ha arrestato un pregiudicato di 24 anni, Antonino Catanzaro. Ancora ricercati gli altri due uomini che erano con lui.

Secondo la ricostruzione della squadra mobile, il giovane il 25 luglio 2015 ha rubato una Mazda in via Lanza di Scalea e ha messo a segno una serie di reati fin quando la polizia non lo ha intercettato e, dopo un rocambolesco inseguimento all’interno del quartiere “Zen 2”, lo ha costretto ad abbandonare l'auto proseguendo la fuga a piedi.

La polizia ha accertato che "i tre - con il volto coperto da cappucci bianchi e armati di coltelli e mazze - erano soliti ricercare e scegliere le vittime tra le persone che rientravano a casa sole e a tarda notte. I malcapitati venivano terrorizzati, minacciati e picchiati. Infine rapinati".

Quella notte i colpi sono stati tre: tutti compiuti tra le 3 e le 4 di notte tra via dell'Olimpo, via Scordia e via Resuttana. Tre automobilisti sono stati seguiti, affiancati e bloccati dall’autovettura rubata a bordo della quale i tre criminali stavano viaggiando a folle velocità. La prima vittima ha fatto in tempo a vedere gli aggressori armati scendere dalla vettura e fuggire. E' andata peggio agli altri due. Il secondo automobilista si è visto sottrarre telefono cellulare e portafogli. Il terzo è stato costretto a scendere dalla propria vettura, una Smart, "presa in consegna" dai malviventi. Gli agenti sono risaliti a Catanzaro, che si trova adesso recluso al Pagliarelli. Sono in corso indagini per risalire agli altri due componenti della banda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento