Cronaca Oreto-Stazione

Rapinano e palpeggiano colombiana Presi due originari delle Mauritius

Si tratta di due fratelli. Insieme a un terzo complice, nei pressi del Policlinico avrebbero seguito e accerchiato la vittima rubandole soldi e gioielli per poi "toccarla" nelle parti intime

Rapina aggravata in concorso e violenza sessuale aggravata, ai danni di una ragazza colombiana di 21 anni. Sono le accuse per le quali o poliziotti della sezione contrasto al crimine diffuso della squadra mobile, hanno arrestato i fratelli J.B.C., 20 anni, e W.C. 18 anni, entrambi nati a Palermo da genitori extracomunitari originari delle Isole Mauritius. I fatti risalgono al 4 novembre. La vittima, intorno alle 13,30, nei pressi del Policlinico, era stata seguita e accerchiata dai due e da un terzo complice.

Minacciata con una pistola e un coltello, ha consegnato 90 euro, l'orologio da polso e altri monili, subendo palpeggiamenti nelle parti intime. Poi i balordi sono fuggiti, abbandonando la donna in stato di shock. Grazie alla dettagliata descrizione fornita dalla ragazza, gli agenti sono risaliti ai due fratelli, uno dei quali noto alle forze dell'ordine. Sono stati condotti all'Ucciardone e ora si cerca il complice.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinano e palpeggiano colombiana Presi due originari delle Mauritius

PalermoToday è in caricamento