Cronaca Zisa

Assaltata in casa mentre guarda la tv, rapina violenta alla Zisa: presi due giovani

I fatti risalgono allo scorso 27 marzo. I malviventi salendo attraverso una grondaia sono riusciti a entrare nell'appartamento. Dopo aver scaraventato la donna per terra, in 10 minuti hanno razziato tutto. Una telecamera però ha ripreso ogni momento del raid

Una rapina violenta ai danni di una donna sola in casa, alla Zisa. Le terribili fasi dell'assalto sono state filmate, in diretta, da una telecamera fatta installare dalla donna per precauzione dai proprietari (GUARDA IL VIDEO). Così la polizia, a distanza di poche settimane, ha risolto quello che all'inizio sembrava un vero e proprio "rebus", arrestando due giovani. Si tratta di Gaetano Ricupero, 21 anni, e Francesco Paolo Comignano di 18 (foto in basso): entrambi della Zisa. Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato disposto dal gip del Tribunale di Palermo, Roberto Riggio, su richiesta del pm De Flammineis. Entrambi i malviventi dovranno rispondere dei reati di rapina aggravata in concorso e danneggiamento.

I fatti risalgono allo scorso 27 marzo. La vittima è una donna che stava guardava la tv, da sola nel suo appartamento. Poi il raid dei due malviventi che sono riusciti, in meno di 10 minuti, a razziare preziosi, denaro ed argenteria, per un valore superiore ai ventimila euro.

E' successo tutto nel tardo pomeriggio: attraverso la grondaia di un immobile, i due malviventi sono riusciti a raggiungere, in rapida successione, l’interno di un’abitazione al primo piano nel quale abita la donna. Dopo avere brutalmente scaraventato per terra la vittima, e aver razziato tutto, quasi a conclusione del raid, uno dei due ha notato la telecamera e con un gesto d’impeto l’ha ripetutamente colpita fino a metterla fuori uso. "La constatazione della presenza di quell’ “occhio indiscreto” -  spiegano dalla Questura - deve aver minato le certezze dei due giovani che, pur di tagliare la corda, non hanno indugiato nell’appartamento per cercare la centralina della telecamera, che però aveva già incamerato le loro immagini".

Così i poliziotti hanno scrutato i filmati registrati e anche attraverso la rilevazione di alcuni particolari non proprio visibili ad occhio nudo, come il tatuaggio sulla mano destra di Comignano, hanno riconosciuto entrambi i malviventi. I due sono stati trasportati all'Ucciardone. Indagini sono in corso per verificare se i due malviventi si siano resi responsabili di altri reati contro il patrimonio, commessi con modalità analoghe, nel recente periodo e nello stesso quartiere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assaltata in casa mentre guarda la tv, rapina violenta alla Zisa: presi due giovani

PalermoToday è in caricamento