menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazza minacciata col coltello e derubata, in carcere anche il secondo aggressore

Il colpo è stato messo a segno ad agosto. La giovane stava rincasando quando è stata accerchiata da due malviventi. Uno di loro era già stato identificato e portato in cella. Adesso la polizia ha fatto scattare le manette anche per il complice: un 23enne del Gambia. E' sospettato di altri quattro colpi

Ad agosto, con l'aiuto di un complice, avrebbe minacciato e rapinato una ragazza in via Aurispa. Adesso per lui si sono aperte per porte del carcere. I poliziotti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo hanno arrestato Amadou Sedao, 23 anni del Gambia.

I fatti risalgono alla notte dello scorso 1 agosto. La vittima stava camminando verso casa quando è stata affiancata da due uomini, uno dei quali armato di coltello, scesi da una vettura. E' stata immobilizzata e strattonata e infine derubata dell'Iphone che aveva con sè. I ladri sono poi fuggiti in auto. 

Secondo quanto accertato, quello è stato solo uno dei 5 episodi messi a segno quella stessa sera (rapine consumate e tentate) in più zone della città e, per gli inquirenti, riconducibli agli stessi autori. La vettura a bordo della quale si erano spostati i malviventi (poi risultata rubata e riconsegnata al legittimo proprietario) è stata rintracciata a Ballarò: nell’abitacolo c'era la cover del telefonino della vittima di via Aurispa. All’Albergheria, in via Trappetazzo, dopo un breve inseguimento, è stato invece bloccato ed arrestato uno degli autori delle aggressioni ( tra le quali anche quella di via Aurispa), un 20enne nato in Gambia (attualmente in carcere).

Da allora, i poliziotti hanno lavorato per individuare il complice e, aiutati anche dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona e dalle testimonianze di vittima testimoni, sono risaliti al 23enne arrestato oggi. Deve rispondere dei reati di rapina pluriaggravata in concorso e di ricettazione. E’ inoltre al vaglio degli investigatori la sua posizione per gli altri episodi avvenuti quella sera.
  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento