Cronaca Sperone / Via Messina Marine

Via Messina Marine, venditori di pesce tamponati e derubati

Sembrava un banale incidente e invece dall'auto sono scesi tre uomini, a volto coperto. Prima hanno picchiato i due commercianti, di 63 e 56 anni, poi gli hanno portato via 2 mila euro. Una vittima ha riportato un trauma cranico-facciale

Venditori aggrediti e derubati in via Messina Marine

Tamponati e derubati da tre malviventi. E' successo in via Messina Marine, nella notte tra venerdì e sabato. Due venditori di pesce, di 64 e 56 anni, stavano percorrendo la strada a bordo del loro furgone quando sono stati speronati. Quello che poteva sembrare un banale incidente si è trasformato in quarto d'ora di terrore per i due: dall'auto sono scesi tre uomini che li hanno aggrediti per poi portargli via 2 mila euro.

I due intermediari del pesce stavano andando a Porticello, ad acquistare prodotti ittici da rivendere in città. Dopo essere stati tamponati, i due sono scesi e sono stati subito aggrediti dai malviventi, tutti a viso coperto. Ne è nata subito una colluttazione e le due vittime sono state prese a calci e pugni. Uno dei rapinatori avrebbe uscito una pistola, colpendo il 64enne con il calcio dell'arma. Dopo aver arraffato il bottino, i tre sono fuggiti portando con se le chiavi del furgone.

Il 56enne, vedendo il collega per terra, ha subito chiamato polizia e 118. L'ambulanza ha condotto il 64enne all'ospedale Civico dove i medici lo hanno tenuto sotto osservazione per tutta la notte: per lui un trauma cranico-facciale ed una prognosi di quindici giorni. Sui fatti indagano le forze dell'ordine che hanno ascoltato una delle vittime. Ma risalire all'identità degli aggressori non sarà semplice, soprattutto se non dovessero esserci testimoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Messina Marine, venditori di pesce tamponati e derubati

PalermoToday è in caricamento