Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Rapina con il furgone delle onoranze funebri: convalidato l'arresto dei sei palermitani

Volevano assaltare un furgone pieno di sigarette. Il colpo avrebbe fruttato 200 mila euro ma i carabinieri di San Lorenzo li hanno fermati sullo svincolo autostradale di Termini Imerese

Convalidati gli arresti nei confronti dei sei palermitani che volevano rapinare un furgone pieno di sigarette, fermati mercoledì all'alba dai carabinieri di San Lorenzo sullo svincolo autostradale di Termini Imerese. In manette sono finiti Michele Parlatore, 50 anni, il genero Manuel Patricolo, 23 anni, i fratelli Vincenzo e Onofrio Bronzellino, rispettivamente 35 anni e 38 anni, Giuseppe Trippodo, 29 anni, e Giuseppe Corrao, 44 anni.

I primi due, al momento del fermo, erano a bordo di un furgoncino di onoranze funebri, risultato rubato, pronti ad effettuare il trasferimento della merce rubata. Gli altri, invece, erano a bordo di tre auto: avrebbero effettuato loro la rapina approfittando della consegna delle scatole in una rivendita di tabacchi.

I sei si erano prima incontrati in un distributore di Palermo per dividersi i quattro mezzi. Avevano pensato a tutto: dalle fascette – trovate all’interno di una macchina – necessarie per bloccare i due dipendenti, alla bomboletta spray da usare per oscurare le telecamere installate a protezione del carico, oltre a scalda collo e guanti per evitare di lasciare impronte. La rapina, del valore di circa 200 mila euro, però è sfumata.

Il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere per tutti i componenti della banda, tranne che per Giuseppe Trippodo che, dato il ruolo marginale, ha avuto gli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina con il furgone delle onoranze funebri: convalidato l'arresto dei sei palermitani

PalermoToday è in caricamento