menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina al tabacchi con pistola, arrestato pregiudicato dello Zen

In manette anche Alessandro Pirrello: era l'ultimo componente ancora libero della banda di palermitani che lo scorso gennaio fu protagonista di una violenta rapina a Termini Imerese. Il tabaccaio fu picchiato con il calcio della pistola

E' stato arrestato anche l'ultimo componente della banda che lo scorso gennaio fu protagonista di una violenta rapina a un tabacchi di Termini Imerese. Si tratta di Alessandro Pirrello, pregiudicato palermitano dello Zen, di 29 anni. E' stato un assalto shock quello messo a segno lo scorso 3 gennaio in via Libertà: le minacce al titolare del tabacchi per riuscire a strappare l’incasso, poi la feroce aggressione.

Pirrello ha fatto irruzione con una pistola giocattolo insieme a Lorenzo Crivello, 34 anni e Antonino Petitto di 29, uno originario del quartiere Zen e uno di Borgo Vecchio, anche loro tutti e due pregiudicati. Pirrello ha agito con il volto coperto: dopo aver minacciato e colpito ripetutamente al volto e alla testa il titolare del tabacchi con il calcio della pistola, si era  impossessato di 1.700 euro e di 974 pacchetti di sigarette. Dopo aver preso il bottino, i tre erano riusciti a fuggire a bordo di una Fiat Uno che è stata poi abbandonata.

Queste le fasi successive all'assalto: a poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria, i tre si erano trovati di fronte gli agenti del commissariato di polizia di Termini. Furono fasi concitate: un poliziotto tentò di bloccare uno dei rapinatori. Poi la colluttazione, con l'agente spinto e scaraventato a terra. Gli altri due abbandonarono la refurtiva strada facendo, scegliendo la fuga a piedi nelle campagne vicine. Poco distante gli agenti trovarono una pistola, un passamontagna, oltre a scaldacollo e giubbotti abbandonati dai fuggitivi. 

Nelle ore successive la polizia era poi riuscita a rintracciare Crivello e Petitto. Il primo fu sorpreso nei pressi della stazione di Termini, mentre tentava di fuggire in treno. Gli agenti riuscirono però a rinoscerlo grazie al colore blu intenso dei suoi occhi. Petitto, invece, era stato bloccato lungo il tratto autostradale della A19, in direzione Palermo, nei pressi del viadotto “Sicilia”, mentre camminava a piedi sulla corsia di emergenza.

Pirrello era invece sfuggito alla cattura. Fino a oggi. A distanza di quattro mesi si chiude dunque il cerchio sulla violenta rapina di gennaio. L’arresto - fanno sapere dalla questura - è maturato nell’ambito di una complessa attività investigativa svolta dai ”Falchi” della Squadra Mobile di Palermo – sezione Contrasto al crimine diffuso, con l’aiuto dei colleghi del commissariato di polizia di Termini Imerese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento