Cronaca

“Rapinarono un furgone della Tnt”, arrestati quattro palermitani

Secondo l'accusa ad aprile del 2009 hanno bloccato il mezzo sulla Palermo-Mazara del Vallo e si sono impossessati di tutta la merce. Gli autisti sono stati abbandonati in un casolare a Campobello di Mazara

La polizia arresta quattro rapinatori

Arrestata banda di rapinatori accusati di un colpo ai danni di un furgone della Tnt messo a segno ad aprile del 2009 sull’autostrada Palermo-Mazara del Vallo. Gli agenti della polizia, sezione investigativa Antirapina, ieri mattina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Amato del Tribunale di Marsala su richiesta del Pm Vella nei confronti di quattro palermitani: A.G. 46 anni, G.O. 37 anni, D.M. di 32 anni, S.C. di 44 anni.
Il 4 aprile del 2009 i quattro rapinatori hanno bloccato sull’autostrada Palermo-Mazara del Vallo. I banditi, con il volto travisato da cappellini e occhiali scuri, hanno costretto i due autisti ad arrestare la marcia tagliandogli la strada con un’auto. Dopo averli fatti scendere dal mezzo con minacce e si sono impossessati del veicolo e della merce trasportata, consistente in numerosi colli contenenti vestiario e materiale informatico, destinati a vari commercianti di Marsala. I due autisti sono stati costretti a salire su una autovettura e immobilizzati con delle fascette di plastica sono stati trasportati in un casolare a Campobello di Mazara e abbandonati.

L’episodio rappresenta lo stralcio di una più ampia attività di indagine, condotta dai poliziotti della squadra mobile, iniziata nel febbraio del 2009 e conclusasi nell’ottobre dello stesso anno, che ha coinvolto 9 persone, tra i quali gli attuali indagati, facenti parte di un’organizzazione dedita al furto in serie di automobili ed a quello di apparecchi bancomat, fatti esplodere con gas introdotto a pressione secondo una tecnica particolarmente pericolosa.
Dette indagini si erano concluse con l’emissione di un analogo provvedimento emesso nel luglio del 2010. Diversificando le proprie condotte criminali la banda ha consumato la rapina al furgone Tnt e le responsabilità di ognuno sono state accertate grazie a mirati servizi di pedinamento, corroborati da un’attività di intercettazione ambientale e telefonica. L’impianto accusatorio, trasmesso all’Autorità giudiziaria competente per territorio, è stata accolta in pieno ed il tribunale di Marsala ha disposto la permanenza in carcere per A.G. ed S.C., mentre per G.O. e D.M. la misura degli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Rapinarono un furgone della Tnt”, arrestati quattro palermitani

PalermoToday è in caricamento