Rapina in via Aquileia, banditi armati di coltello assaltano Ferdico

Due giovani, con mascherina e cappuccio, hanno fatto irruzione nel punto vendita minacciando i dipendenti con un coltello. Dopo aver arraffato il bottino, pari a circa 300 euro, sono fuggiti a piedi in direzione di viale Regione

Il punto vendita Ferdico di via Aquileia (foto archivio)

Due rapinatori armati di coltello assaltano un negozio di detersivi. Una coppia di banditi ha fatto irruzione ieri pomeriggio all'interno del punto vendita della catena Ferdico di via Aquileia riuscendo a portare via un bottino di circa 300 euro. Sull'episodio indaga la polizia che ha ascoltato il racconto dei testimoni e acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza.

Secondo una prima ricostruzione i due malviventi sarebbero entrati nel negozio coprendosi il volto con una mascherina chirurgica e indossando un cappuccio. Senza tergiversare troppo si sarebbero diretti verso una delle casse, avrebbero minacciato e costretto uno dei lavoratori a consegnare loro i contanti. Poi la fuga a piedi verso viale Regione, dove probabilmente un complice li attendeva a bordo di un'auto.

Risale a pochi giorni fa il colpo da Happy Casa, negozio che si trova all'interno del Centro Olimpo. Tanta la paura tra i clienti presenti al momento della rapina. "Non appena i tre rapinatori hanno minacciato i cassieri - ha raccontato un testimone - c'è stato il fuggi fuggi. Abbiamo avuto molta paura, tante persone sono uscite via di corsa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento