Rapinatori in azione allo Sperone, nel mirino un distributore di carburante

A colpire un impianto di via Maresciallo Diaz due giovani banditi incappucciati e arrivati su uno scooter Honda Sh. Sull'episodio indaga la polizia. Al vaglio della Scientifica le immagini delle telecamere di sicurezza

(foto archivio)

Distributore di carburante rapinato allo Sperone. Due giovani banditi incappucciati sono entrati in azione ieri pomeriggio in via Armando Diaz, dove sono arrivati a bordo di uno scooter Honda Sh. Sull’episodio indaga la polizia che si è messa sulle tracce dei malviventi.

Uno dei due giovani è rimasto in sella mentre l’altro è sceso e si è diretto verso uno degli impiegati. Lo ha minacciato lasciandogli intendere di essere armato - pur non estraendo alcun coltello o pistola - e lo ha costretto a consegnare i soldi che aveva in tasca. Bottino ancora da quantificare.

A quel punto i due rapinatori sono fuggiti a bordo dello scooter in direzione di piazza Torrelunga. Sul posto, oltre ai poliziotti delle volanti, sono intervenuti gli agenti della sezione Scientifica che hanno acquisito le immagini delle telecamere che avrebbero tutte le fasi del colpo.

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Menopausa, quali sono i rimedi naturali che le signore palermitane dovrebbero seguire

  • Estate uguale esodo al villino, ecco come i palermitani possono arredare la casa al mare

I più letti della settimana

  • Vedono donna sola in casa e provano a violentarla: lei urla, marito la salva a suon di cazzotti

  • Tramonta il sogno cinese, crolla l'impero Z&H: sequestrati 7 centri commerciali

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Clamoroso: il Palermo non è riuscito a iscriversi al campionato di serie B

  • Incendio sulla Palermo-Sciacca, pullman dell'Ast divorato dalle fiamme

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

Torna su
PalermoToday è in caricamento