Villabate, rapina a un furgone: corriere sequestrato e lasciato in strada

Due o tre banditi armati hanno bloccato la corsa dell’autista e lo hanno costretto a salire nel cassone. Il carico è stato rubato, mentre il furgone è stato ritrovato a Brancaccio. Indaga la polizia

(foto archivio)

Lo hanno seguito durante il giro di consegne, poi lo hanno costretto ad accostarsi, gli hanno puntato contro una pistola e lo hanno sequestrato. Un corriere è stato rapinato stamattina a Villabate da una banda che è entrata in azione intorno alle 10. I malviventi hanno atteso il momento migliore per l’assalto al trasportatore che è stato scaricato in strada (senza cellulare) a poche centinaia di metri dal punto in cui era stato fermato.

Mentre i banditi si allontanavano con il carico, il corriere ancora sotto choc è riuscito a lanciare l’allarme al 113. Sul posto sono arrivate alcune volanti dell’Ufficio di prevenzione generale e scorso pubblico della polizia che hanno ascoltato il racconto della vittima della rapina. Quindi è stata diramata una nota di ricerche con i pochi dettagli acquisiti per risalire all’identità dei componenti della banda.

Durante una perlustrazione delle zone vicine i poliziotti hanno trovato il furgone utilizzato per le consegne in via Pecoraino, a Brancaccio. Il mezzo era vuoto: i rapinatori avevano già portato via tutti i pacchi e prima si erano anche fatti consegnare i contanti. Ancora da quantificare il bottino. E’ stato richiesto inoltre l’intervento degli agenti della sezione Scientifica che hanno analizzato la scena del crimine per cercare impronte digitali.

I poliziotti hanno acquisito anche le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza piazzate lungo gli ipotetici percorsi seguiti dalla banda. Le riprese potrebbero consentire agli investigatori di scoprire dove è avvenuto il trasbordo, utilizzando quale mezzo e chiarendo l'eventuale esistenza di un magazzino in cui nascondere i colli rubati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • "Violenza sessuale su una paziente": polizia arresta un medico

Torna su
PalermoToday è in caricamento