Via Messina Marine, colpo al Bingo Snai: sfonda la porta e rapina il centro scommesse

Un uomo armato e a volto coperto è entrato in azione alle 23.30 di ieri, ha minacciato gli impiegati ed è riuscito a farsi consegnare un bottino di circa 1.500 euro. Poi la fuga. Sull'episodio indaga la polizia che ha acquisito le immagini della videosorveglianza

L'ingresso del Bingo Snai di via Messina Marine

E' entrato nel centro scommesse urlando, ha sfondato una porta con un calcio, ha minacciato gli impiegati e si è fatto consegnare il bottino prima della fuga. La polizia indaga sull'ennesima rapina messa a segno ieri sera al Bingo Snai di via Messina Marine 449, in zona Sperone, dove appena un mese fa era entrata in azione una coppia di banditi.

Qualche minuto dopo il colpo sono arrivate sul posto alcune pattuglie dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico e del commissariato Brancacio. Gli agenti hanno ascoltato il racconto dei dipendenti del centro scommesse e dei testimoni per cercare dettagli utili per le indagini. Nessuno però ha potuto fornire un identikit del rapinatore, arrivato con il volto coperto da una felpa con cappuccio, guanti e pistola in pugno.

"Gli impiegati - racconta a PalermoToday un testimone - non si sono neanche alzati. Il rapinatore è entrato, si è fatto consegnare i contanti ed è scappato". Ancora da quantificare con precisione il bottino che ammonterebbe a poco meno di 1.500 euro. La polizia ha avviato immediatamente le indagini procedendo con l'acquisizione dei video ripresi dal sistema di videosorveglianza interno e dalle telecamere piazzate nella zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La dinamica della rapina appare simile a quella avvenuta lo scorso 29 gennaio. Quel giorno però i malviventi armati di pistola e con il volto coperto erano due. Si sono diretti verso una delle casse e in pochi secondi si sono fatti consegnare circa 3 mila euro. “Dammi i piccioli”, ha urlato uno dei due mentre si faceva riempire una sacca con i contanti. Poi la fuga approfittando del buio tra i vicoli dello Sperone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento