Assaltò una banca con l'aiuto di due complici, arrestato rapinatore "in trasferta"

E' considerato responsabile della rapina commessa il 26 settembre 2014 ai danni della Banca di Credito Cooperativo "San Giuseppe" di Castellana Sicula. Con lui altri due malviventi, già arrestati e sottoposti ai domiciliari

L'arrestato

I carabinieri della compagnia di Petralia Sottana hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un ragazzo di 22 anni, Girolamo Guddo, accusato di essere il terzo componente di una banda di rapinatori in trasferta.

Il giovane è considerato responsabile della rapina commessa il 26 settembre 2014 ai danni della Banca di Credito Cooperativo "San Giuseppe" di Castellana Sicula. Con lui altri due complici (che si trovano già ai domiciliari): Giovanni Migliarba, 22 anni e Lowell Carrara, 22 anni.

"Il primo colpo - spiegano i militari dell'Arma - lo avevano portato a segno il giorno 17 luglio 2014. Avevano scavalcato il bancone e dopo aver minacciato le impiegate senza l'uso delle armi, si erano fatti consegnare il denaro custodito nella cassaforte per un importo complessivo di 68.900 euro. Subito dopo erano fuggiti a piedi, raggiungendo certamente qualche autovettura parcheggiata in zona per la fuga. La seconda rapina era stata consumata il 26 settembre 2014, con lo stesso modus operandi, ma il colpo aveva fruttato poco in quanto erano riusciti a portare via soli 1.500 euro. In quell'occasione si erano allontanati a forte velocità, con direzione Palermo, a bordo di un'autovettura Audi TT con targa risultata successivamente rubata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento