menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rap, sospeso lo stato di agitazione: netturbini al lavoro per recuperare i rifiuti non raccolti

La tregua con l'azienda consentirà di smaltire l'immondizia che si è accumulata per le strade, soprattutto in periferia. Al via i tavoli tecnici per risolvere i "nodi" della vertenza. I sindacati: "Senza risposte pronti ad agire di conseguenza"

Sospeso lo stato di agitazione dei netturbini della Rap. Così hanno deciso ieri i sindacati al temine di un incontro con i vertici dell'azienda. Una tregua che consentirà di smaltire i rifiuti che in questi giorni di protesta si sono accumulati per le strade, soprattutto in periferia (Villaggio Santa Rosalia, Falsomiele, Vergine Maria, Brancaccio ecc...). I lavoratori, già da oggi, hanno promesso l'adesione totale alle ore di straordinario, senza le quali è pressoché impossibile recuperare l'arretrato.

Per assicurarsi che "gli impegni presi diventino realtà", però, i rappresentanti dei lavoratori "non hanno revocato lo stato di agitazione" e già entro la fine del mese vogliono toccare con mano le richieste sul fronte della sicurezza e a marzo verificare gli aspetti economico-finanziari. Altrimenti "saremo pronti ad agire di conseguenza".

"La sospensione dello stato di agitazione – dice il direttore generale della Rap Roberto Li Causi - è motivo di soddisfazione della Rap poiché è dimostrazione della massima attenzione che l’azienda e i lavoratori riservano alla città di Palermo. Questo porterà, oltre a suggellare il ripristino di normali relazioni sindacali, ad accelerare le attività straordinarie per il recupero della raccolta in tutte quelle postazioni dove si sono accumulati rifiuti su strada. Una conseguenza inevitabile dello stato di agitazione dei lavoratori dichiarato a fine gennaio”.

Oggi si aprirà il primo di una lunga serie di tavoli tecnici, che hanno l'obiettivo dichiarato di risolvere i "nodi" della vertenza. "Affronteremo subito alcune vicende urgenti sul fronte della salute e della sicurezza dei lavoratori, come la sanificazione dei luoghi di lavoro e l'approvvigionamento dei dispositivi di sicurezza" hanno scritto Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel e Filas, che alla Rap hanno chiesto un riordino interno a partire da un corretto inquadramento del personale.

"Dopo aver manifestato le nostre perplessità sulla nota del direttore generale - hanno aggiunto le sigle sindacali di Rap - l’azienda ha preso l’impegno di comunicare alla prefettura e alla Commissione di garanzia la ritrovata unità d’intenti tra i lavoratori e la Rap, al fine di evitare che si possano innescare sanzioni e il perdurare di criticità". E' stato ottenuto l’impegno del pagamento a fine mese dei progetti produttività di Bellolampo non ancora retribuiti ed i sindacati hanno posto le basi per ridiscutere il progetto di igiene ambientale, della discarica, sulla nuova piattaforma impiantista e il relativo regolamento sugli incentivi per le funzioni tecniche.

"E' stato posto infine l’accento - hanno concluso - sulle attività da intraprendere per l’emergenza sanitaria per combattere il Covid, in particolare la sanificazione dei mezzi e delle sedi aziendali e si è anche affrontato il tema della chiusura delle attività nelle sedi giudiziarie e sul mancato utilizzo dei mezzi per la raccolta, ad esempio pale meccaniche e bobcat".

Dal canto suo l'azienda in una nota sottolinea di avere garantito "massima attenzione per i diritti dei lavoratori, così come attenzionerà i doveri che i lavoratori Rap hanno nei confronti della città di Palermo in termini di svolgimento del servizio e pulizia della città".  Il direttore generale ha evidenziato "che la Rap ha sempre dedicato massima attenzione alla sicurezza dei lavoratori".  L’Azienda "continua ad effettuare la sanificazione dei mezzi e dei locali di lavoro previsto dalla normativa di settore e ha già presentato all’Asp la richiesta di vaccinazione Covid per i dipendenti e nei prossimi giorni sarà effettuata la pianificazione sulla base delle indicazioni impartite dall'azienda sanitaria".   

“Il management aziendale è impegnato quotidianamente per dare solidità e un futuro alla Rap – aggiunge il presidente Giuseppe Norata -. Basta guardare il piano industriale, in atto esistente, dove lo sviluppo di Bellolampo, anche grazie ai fondi messi a disposizione dal Pon Metro e dal Recovery Fund, punta a un polo impiantistico all’avanguardia”.

Rap nelle prossime settimane sarà impegnata sul fronte dell'organizzazione dei servizi e del personale "e metterà subito mano - si legge in una nota - alla revisione del piano del fabbisogno del personale anche in virtù degli aspetti economici finanziari di competenza dell'Amministrazione comunale con la quale si è ritrovata piena sintonia anche e soprattutto in relazione alla garanzia data nei precedenti incontri sulla tenuta dei conti della Rap che assicurano la continuità aziendale".

Quanto alle attività per il recupero dei rifiuti accumulati, stamattina sono stati eseguiti interventi straordinari con l'ausilio di due pale meccaniche e mezzi speciali in via Mulè, via dei Fiori, in corso via Domenico Russo, via Raiti, via Tenente Anelli , via Medaglie D’Oro. Tratto Regione Siciliana (altezza Bingo). In corso gli interventi su via Pianell, via Li Bassi, via Cutello, via Callea, via Bergamini, via Madonia, via Gustavo Roccella. Stanotte sarà definita Vergine Maria , in particolare piazza Tonnara e Piazza Bordonaro. Nel quartiere San Giovanni D’Apostolo: via Cosenz e via Celona. In programma a seguire: il completamento del quartiere Villaggio Santa Rosalia e Falsomiele; completamento zona via Albiri, via Airone; completamento Riserva Reale-via Marcellini. In agenda anche interventi a Bonagia, dove i cassonetti sono stati tutti svuotati ma restano dei cumuli di rifiuti accanto ad alcune  postazioni.

Articolo aggiornati il 18 febbraio 2021 alle ore 17.01// Inserita posizione Rap e aggiornamento pulizia strade

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento