Rap, riparte il ritiro degli ingombranti a domicilio e nei centri comunali di raccolta

L'ex municipalizzata ha riattivato il servizio, sospeso la settimana scorsa dopo l'incendio alla piattaforma di recupero di Santa Flavia. I giorni di blocco forzato hanno aggravato l'emergenza in città, letteralmente invasa da rifiuti di ogni tipo

Riapre dopo l'incendio, seppur parzialmente, la piattaforma di recupero di Santa Flavia e la Rap fa ripartire il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti.

Lo rende noto l'ex municipalizzata, informado i cittadini che potranno adesso portare gli ingombranti presso i centri comunali di raccolta. In alternativa, gli utenti potranno usufruire anche del servizio a domicilio. Le prenotazioni per il ritiro possono essere fatte già da oggi tramite l'Ufficio relazioni con il pubblico, chiamando al numero verde 800-237713.

In viale Michelangelo il "muro" degli ingombranti

La Rap aveva sospeso il servizio di raccolta degli ingombranti mercoledì scorso, in seguito all'incendio avvenuto giovedi 12 novembre presso l'impianto di Ecogestioni Sereco: la società che ha vinto l'appalto di ritiro presso i Ccr e successivo smaltimento di questa tipologia di rifiuti. 

I giorni di blocco forzato hanno aggravato un fronte storicamente in emergenza come quello degli ingombranti. Gli abbandoni per strada sono aumentati e la città - oltre che dai rifiuti solidi urbani - è letteralmente invasa dagli ingombranti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento