rotate-mobile
Cronaca

Raid nell'ufficio del procuratore per i Minori, interrogazione ai ministri dell'Interno e della Giustizia

L'iniziativa di Carolina Varchi, parlamentare nazionale e componente della Commissione Giustizia per Fratelli d'Italia alla Camera, che esprime la sua solidarietà al magistrato Claudia Caramanna. "Bisogna chiarire le condizioni di sicurezza e di controllo al Malaspina"

"Il raid compiuto negli uffici del procuratore Claudia Caramanna, a cui va tutta la mia solidarietà e affettuosa vicinanza, ha il sapore di una intimidazione e la nostra città non se lo può permettere. In attesa che la magistratura e le forze di polizia facciano luce sulla vicenda, ho presentato un'interrogazione ai ministri dell'Interno, Matteo Piantedosi, e della Giustizia, Carlo Nordio, affinché dispongano tutte le necessarie verifiche sulle condizioni di sicurezza e controllo sulla struttura Malaspina di Palermo, ove hanno sede tanto l'istituto di pena minorile quanto la Procura ed il tribunale per i minorenni". Lo dichiara in una nota il parlamentare nazionale e componente della Commissione Giustizia per Fratelli d'Italia alla Camera dei deputati, Carolina Varchi.

"La Procura minorile ha avviato ormai da tempo un percorso virtuoso per garantire ai giovani palermitani contesti familiari adeguati anche attraverso provvedimenti apparentemente impopolari che hanno l'obiettivo di responsabilizzare i tanti genitori che si rendono colpevoli di delitti, per lo più riconducibili alla mafia ed al traffico di stupefacenti. Come rappresentante della mia città nelle istituzioni condivido appieno il lavoro del procuratore e dei suoi sostituti e sono certa che di fronte a questo maldestro tentativo di intimidazione, la giustizia minorile non arretrerà di un solo centimetro – prosegue Varchi - lo dobbiamo ai nostri giovani ai quali offrire, ciascuno col proprio ruolo, un modello comunitario nel quale trovare stimoli sani alla crescita, lontani dal cancro della droga".

Anche la deputata palermitana del Movimento 5 Stelle Valentina D'Orso esprime la sua "più profonda solidarietà a Claudia Caramanna". L'episodio "rappresenta un segnale inquietante ed un attacco vile ad un magistrato che si spende quotidianamente nel contrasto alla criminalità organizzata avendo come faro del proprio operato la tutela dei minori – afferma D'Orso - e per questo sono vicina e rinnovo la stima per il suo prezioso lavoro nella nostra difficile città come rinnovo l'apprezzamento per il suo approccio nella risposta al tema del disagio giovanile, che abbiamo avuto il privilegio di ascoltare anche durante le recenti audizioni in Commissione Giustizia alla Camera in tema di prevenzione e contrasto al bullismo e al cyberbullismo. Auspico - conclude - che vengano individuati quanto prima i responsabili di questo vile gesto, ancora più inquietante se associato ad altri episodi che nel recente passato hanno visto come bersaglio Caramanna, per fare al più presto luce sulla vicenda. E' necessario garantire la massima sicurezza a lei e a tutti i magistrati della Procura dei minori di Palermo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid nell'ufficio del procuratore per i Minori, interrogazione ai ministri dell'Interno e della Giustizia

PalermoToday è in caricamento