menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il ponte di via Giafar, a Brancaccio (foto Google)

Il ponte di via Giafar, a Brancaccio (foto Google)

Giallo a Brancaccio: ragazzo massacrato e lasciato in fin di vita sotto al ponte Giafar

Si tratta di un sedicenne: è stato soccorso dal 118 e trasportato al Civico dove, dopo un intervento chirurgico, è stato intubato. Adesso è in coma farmacologico. Ha ferite, lividi e fratture in tutto il corpo. Indaga la polizia

Giallo a Brancaccio: un ragazzo di 16 anni è stato trovato stamattina in fin di vita sotto al ponte di via Giafar. Il giovane è adesso ricoverato al Civico in coma farmacologico. Il ragazzo è stato soccorso dal personale del 118, intervenuto sotto al ponte - nella zona industriale - dopo una segnalazione arrivata alla centrale operativa. Sull’accaduto indagano gli agenti della Squadra Mobile e i colleghi del commissariato Brancaccio.

Le condizioni del sedicenne sono gravissime: ha riportato diverse fratture, lividi e ferite su tutto il colpo, ha il volto tumefatto, alcune gravi lesioni a un organo e un'orbita oculare compromessa. Per lui è stato necessario un primo intervento chirurgico dopo il quale è stato sedato e intubato. I medici gli hanno asportato la milza e programmato altri interventi per ridurre gli ematomi alla testa

I poliziotti sono intervenuti in un secondo momento perché è arrivata una sola telefonata, al 118: chi ha visto il suo corpo “adagiato” in strada ha preferito non allertare le forze dell’ordine. Ma non è escluso che possa essere stato lo stesso responsabile a chiamare, magari da una cabina telefonica. Sui polsi del ragazzo sono stati rivenuti alcuni segni che lascerebbero pensare che sia stato legato e massacrato di botte.

Secondo le prime indiscrezioni sembrerebbe che il ragazzo sia stato pestato in altro luogo e scaricato sotto il ponte, a pochi passi dalla linea ferrata. Gli sono stati riscontrati altri segni sulla schiena, come se l'avessero trascinato afferrandolo per le gambe o per le braccia. Una sorta di avvertimento che i responsabili gli avrebbero lanciato, riducendolo in quel modo ma lasciandolo in vita.

Nessuno però, tra via Giafar e le altre stradine vicine, avrebbe visto nulla. Un uomo passato nei pressi del ponte stamattina intorno alle 7, mentre passeggiava con il cane, avrebbero riferito di non aver visto il giovane per terra. Non distante da lì, a metà maggio, è stata soccorsa una turista inglese che ha riferito di essere stata violentata e abbandonata sotto lo stesso ponte. Era uscita con gli amici per andare in zona piazza Sant'Anna. Poi, forse a causa di un battibecco con una sua cugina, si è allontanata ed è salita a bordo di un'auto bianca scambiandola per un taxi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento