Da piazza Rivoluzione all'incubo: violentata, rapinata e abbandonata nelle campagne di Carini

La terribile notte vissuta da una giovane turista colombiana a Palermo. La ragazza ha trovato la forza di fermare un passante e far scattare l’allarme ai carabinieri. Aggressori incastrati dalle immagini di videosorveglianza. In manette due uomini di 36 e 26 anni

Violentata, rapinata e abbandonata nelle campagne di Carini all’alba. E’ stata la notte da incubo di una turista colombiana a Palermo. La ragazza ha, però, trovato la forza di fermare un passante e far scattare l’allarme ai carabinieri che l’hanno accompagnata in ospedale prima di ricostruire l’accaduto. La ragazza di 22 anni era in vacanza a Palermo insieme alla sorella gemella e ad un amico ed alloggiava all’Hotel San Paolo. Ma la notte di Ferragosto, come racconta il giornale La Repubblica oggi in edicola, la giovane aveva bevuto un po’ troppo e al suo rientro in camera, ubriaca, ha litigato con la sorella decidendo di andarsene nonostante la vacanze dovesse durare fino al 24 agosto.

Poi la ragazza ha lasciato a piedi il San Paolo e ha percorso un lungo tratto ripresa da varie telecamere visionate dai carabinieri. A piedi ha raggiunto piazza Rivoluzione dove ha incontrato un ambulante che aveva già visto e due palermitani che le hanno offerto un passaggio per l’aeroporto dietro il semplice pagamento del costo della benzina. L’aggressione è scatatta dopo tre tentativi di far carburante in tre diversi distributori nei quali la carta di credito della sudamericana non funzionava: la violenza sessuale si sarebbe consumata nel tragitto verso l’aeroporto. La ragazza è stata rapinata e abbandonata in campagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono bastate 48 ore di indagini, però, ai carabinieri grazie anche alle telecamere dell’hotel, stradali e dei distributori di carburante per risalire all’Alfa 147 grigia degli aggressori. In manette sono finiti Giuseppe Emanuele Ruisi, 26 anni e Francesco Castellese, 36 anni. I due dovranno, adesso, rispondere di violenza sessuale e rapina aggravata. "Il mio assistito -dichiara Carmelo Adamo, avvocato di Ruisi - ha confessato tutto, tranne la violenza sessuale e adesso si trova ai domiciliari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Sesso a 3 in strada davanti ai vigili: "Così passiamo la quarantena", denunciata giovane palermitana

  • Coronavirus, come ordinare da mangiare a domicilio: la lista delle attività a Palermo e provincia

  • Controlli sui prezzi di frutta e verdura, rincari anche del 100% di finocchi e fagiolini

Torna su
PalermoToday è in caricamento