rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

"Un'invasione pacifica di 100 mila persone": a Palermo è il giorno dei bersaglieri

La manifestazione ritorna nel capoluogo dopo 58 anni. Il programma dell'iniziativa che si svolgerà fino a domenica

Da oggi e fino a domenica, Palermo ospiterà l'atteso raduno nazionale dei bersaglieri. Dopo 58 anni, i Fanti Piumati ritornano in città. E' prevista la presenza di circa 100 mila tra Bersaglieri con le relative Fanfare e persone al seguito, che nell'arco dei 5 giorni saranno accolti con cerimonie civili e militari, presentazioni di libri, manifestazioni in palazzi storici e ville cittadine, incontri con le scuole e altre importanti iniziative.

Nelle giornate più rilevanti (dal 27 al 29 maggio) si potrà assistere alla deposizione corona in onore dei Caduti di tutte le guerre in piazza Vittorio Veneto, alla consegna del Medagliere al Sindaco di Palermo, alla sfilata delle auto storiche lungo le vie cittadine e le esibizioni delle fanfare nelle vie e piazze di Palermo oltre al Concertone che si svolgerà al Teatro Massimo sabato 28 maggio alle ore 21.00.

Durante quest'ultimo evento si esibiranno le 3 fanfare d'onore alla presenza delle autorità istituzionali e di tutti coloro che stanno accorrendo da tutte le parti d'Italia. Il gran finale sarà domenica. A partire dalle 9.30 inizierà lo sfilamento dei Bersaglieri di tutte le Regioni d'Italia accompagnati dalle loro Fanfare. La cerimonia avrà inizio a Piazza della Vittoria, verrà attraversato Corso Vittorio Emanuele fino ad arrivare al Foro Italico Umberto I, dove sarà allestito il Palco e saranno presenti le autorità istituzionali e militari ai massimi livelli.

"Sarà un'invasione pacifica e festosa - spiegano dalla Presidenza Nazionale dell'Associazione Nazionale Bersaglieri - che va incontro alle attese di una cittadinanza vicina allo spirito e alla passione bersaglieresca. Siamo contenti di essere in questa grande Capitale mediterranea crocevia di civiltà e mirabile esempio ieri come oggi di integrazione di popoli e di culture. Sarà una irripetibile occasione per esaltare i grandi sentimenti e i perenni valori di amor di Patria, dell'Unità Nazionale e del comune sentire. Questo raduno che celebra i 180 anni della fondazione del Corpo dei bersaglieri e il 161° anniversario della morte in Crimea del fondatore Alessandro Lamarmora, è dedicato a tutti i bersaglieri di ogni epoca e grado ed in particolare ai piumetti siciliani, al glorioso 10° reggimento di stanza a Palermo sino al 1947, protagonista di tante battaglie dalla presa di Porta Pia all'aspra lotta per la difesa dell'Isola nel 1943 e al 6° reggimento di Trapani che scrisse pagine eroiche nella Grande Guerra e nella Campagna di Russia e che, ai nostri giorni, unitamente agli altri reggimenti, nel solco delle più belle tradizioni militari, mantengono alta l'immagine dell'Italia e dell'Esercito in terre lontane dalla Patria cercando di assicurare pace e civile convivenza a popolazioni martoriate dalle guerre e dalle sofferenze".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un'invasione pacifica di 100 mila persone": a Palermo è il giorno dei bersaglieri

PalermoToday è in caricamento