rotate-mobile
Cronaca Cefalù

Raddoppio ferroviario Cefalù, ai lavoratori arrivano due stipendi arretrati: "Ma dopo Pasqua si saldi marzo"

Ricevute le spettanze per i mesi di gennaio e febbraio. Fillea, Filca e Feneal: "Segnale positivo, però ribadiamo la necessità di un incontro con la Toto, Rfi e la Regione perché vogliamo sapere quale sarà il futuro di quest’opera"

I lavoratori della Toto Costruzioni, impegnati nel raddoppio ferroviario Ogliastrillo Cefalù, hanno ricevuto oggi due mensilità arretrate. Sono partiti stamattina, alla scadenza dell’ultimatum dato dalle organizzazioni sindacali di Fillea, Filca e Feneal, i bonifici delle retribuzioni di gennaio e febbraio.   

"Un segnale positivo, che conferma la capacità delle organizzazioni sindacali, assieme ai lavoratori, di condurre una vertenza strategica, che ha consentito anche a Rfi di impiegare le risorse aggiuntive del Decreto Aiuti per mettere la Toto nelle condizioni di ottemperare agli impegni presi", dichiarano i segretari generali di Fillea Cgil Palermo, Filca Cisl Palermo Trapani, Feneal Uil Tirrenica Messina Palermo Piero Ceraulo, Francesco Danese e Pasquale De Vardo.      

Rimane comunque per l’allarme per la terza mensilità di marzo, ormai maturata. "Per noi avrebbero dovuto pagare tutte e tre le mensilità e non due. Ragion per cui dopo Pasqua – dicono Ceraulo, Danese e De Vardo - chiederemo immediatamente alla Toto di saldare il mese di marzo perché non ci stiamo a lasciare indietro mensilità arretrate, che si accavallano durante le fasi del cantiere. Ribadiamo la necessità di un incontro con la Toto, Rfi e la Regione siciliana perché vogliamo sapere quale sarà il futuro di quest’opera. Un ringraziamento particolare va ai lavoratori che con enormi sacrifici hanno tenuto in piedi questa vertenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio ferroviario Cefalù, ai lavoratori arrivano due stipendi arretrati: "Ma dopo Pasqua si saldi marzo"

PalermoToday è in caricamento