Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Castelbuono

Raddoppio ferroviario Ogliastrillo-Castelbuono, sit in dei lavoratori: "Pagateci gli stipendi"

Cori di protesta e contestazioni davanti ai cancelli del campo base di Castelbuono. Il cantiere è fermo da novembre e gli operai della Toto Costruzioni aspettano ancora due mensilità che l’azienda si era impegnata a pagare entro il 15 marzo. Lunedì altra manifestazione

“Lavoro salario”. “E’ un’ingiustizia”. “Vogliamo il lavoro”. I lavoratori della Toto Costruzioni, hanno svolto questa mattina un sit-in davanti ai cancelli del campo base di Castelbuono tra cori di protesta e contestazioni. Con loro i segretari provinciali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Fenal Uil Piero Ceraulo, Francesco Danese e Pasquale De Vardo. Il cantiere per il raddoppio ferroviario Ogliastrillo-Castelbuono è praticamente fermo da novembre, sono in corso solo piccole lavorazioni, e i lavoratori aspettano gli stipendi di gennaio e febbraio, due mensilità che l’azienda si era impegnata a pagare entro il 15 marzo.

Il sit-in è iniziato alle 6,30. “Il cantiere si è fermato completamente e la protesta è stata portata anche dentro, davanti agli uffici tecnici di Italferr – dichiarano i segretari generali di Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo,   Filca Cisl Palermo Trapani Francesco Danese e Feneal Uil Pasquale De Vardo -  Non accettiamo strumentalizzazioni, i lavoratori non possono dipendere dal  contenzioso di carattere economico, per ripartire con altre  modalità di scavo,  in corso  tra la Toto Costrzioni e Rfi”.

“Continueremo con lo stato di agitazione – proseguono Ceraulo, Danese e De Vardo - Lunedì faremo un altro sit-in alle ore 9 davanti alla sede di Rfi, alla stazione centrale, per chiedere di velocizzare il pagamento diretto degli stipendi da parte della stazione appaltante. Fino a quando i lavoratori non riceveranno le loro retribuzioni il cantiere resterà fermo. Chiediamo di nuovo all’assessore alle Infrastrutture Aricò un intervento per un incontro con Rfi e l’azienda. Saremo attenti e vigili a organizzare altre iniziative di mobilitazione, strategiche e funzionali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio ferroviario Ogliastrillo-Castelbuono, sit in dei lavoratori: "Pagateci gli stipendi"
PalermoToday è in caricamento