rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Una tonnellata di farmaci e presidi sanitari raccolti in città per aiutare il popolo ucraino

Grazie a due distinti iniziative di Federfarma e dell'Ordine dei farmacisti sono stati anche donati 435 mila euro alla Croce rossa

Oltre 435 mila euro da destinare alla Croce rossa e una tonnellata tra farmaci e presidi sanitari per aiutare i cittadini ucraini. E' questo il bilancio di due diverse iniziative a cui hanno aderito Federfarma Palermo e l'Ordine dei famarcisti di Palermo, che hanno coinvolto singole farmacie ma anche associazioni durante lo scorso mese di marzo.

Nell'ambito del progetto di solidarietà dell'associazione Pgeu dei farmacisti europei, a cui ha partecipato Federfarma nazionale, sono stati raccolti i 435 mila euro, devoluti alla Croce rossa italiana: serviranno per donare beni, strumenti e servizi alla popolazione ucraina secondo le necessità indicate dal ministero della Salute di Kiev, non solo per le cure di pronto soccorso e l'emergenza sanitaria, ma anche per garantire una continuità assistenziale ai pazienti cronici, a quelli oncologici e ai bambini.

Con un'altra iniziativa, grazie alla generosità di cittadini e farmacisti palermitani che hanno aderito alla raccolta solidale con la cooperativa Giorgio La Pira e con il Rotary e-club "Colonne d'Ercole", è stato poi possibile inviare una tonnellata di farmaci e presidi sanitari che sono stati consegnati, tramite l'associazione "Ucraini in Romania", parte ai profughi ospitati in Romania, parte al "City Clinical Hospital no. 1"di Vinnitsia, cittadina ucraina a metà strada fra Leopoli e Kiev, nel quale sono ricoverati parecchi feriti, e parte al Knp-Centro regionale oncologico di Mykolaiv.

"La rete delle farmacie e i cittadini palermitani – commentano Roberto Tobia e Mario Bilardo, presidenti rispettivamente di Federfarma Palermo e dell’Ordine dei Farmacisti di Palermo – hanno risposto prontamente alla richiesta d'aiuto dell'Ucraina, dimostrando anche in questa occasione grande spirito di solidarietà e impegno civile. Così la nostra città può essere concretamente vicina alla popolazione ucraina martoriata dalle atrocità di questa guerra assurda. La raccolta prosegue, ringraziamo in anticipo i colleghi che si stanno prodigando per questo scopo e i cittadini e siamo certi di riuscire a superare questi incoraggianti risultati di solidarietà".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una tonnellata di farmaci e presidi sanitari raccolti in città per aiutare il popolo ucraino

PalermoToday è in caricamento