menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Renato Li Donni, Roberto Dolce e Giovanni Migliore

Da sinistra Renato Li Donni, Roberto Dolce e Giovanni Migliore

Rifiuti, la raccolta "porta a porta" arriva anche tra le corsie del Policlinico e del Civico

La Rap fornirà in comodato d'uso gratuito contenitori per la raccolta della carta, del vetro e dell'organico da collocare al piano terra dei reparti impegnandosi a effettuare il servizio di ritiro

La raccolta dei rifiuti "porta a porta" arriva anche in ospedale. L'azienda ospedaliera “Civico, Di Cristina, Benfratelli” e il Policlinico Paolo Giaccone hanno stretto un accordo con la Rap per l’attuazione della raccolta differenziata all’interno delle proprie strutture. L'iniziativa nasce dalla "volontà di lavorare sinergicamente in ottica di sviluppo sostenibile e rispetto dell'ambiente". Il documento è stato siglato presso la sede della Rap, in piazzetta Cairoli, da Giovanni Migliore, direttore generale del Civico; dal direttore generale del Policlinico, Renato Li Donni e dal presidente della Rap Roberto Dolce.

Saranno ritirati con il "porta a porta" le frazioni di carta, cartone, vetro, plastica, metallo e l'organico proveniente dalle mense e dai residui di pasti. Attraverso accordi operativi, la Rap fornirà in comodato d’uso gratuito contenitori carrellati bianchi da 360 litri per la raccolta della carta, da collocare al piano terra delle varie sedi/reparti in luoghi accessibile a mezzi e personale di Rap; contenitori carrellati verdi da 360 litri per la raccolta del vetro e di altri carrellati marroni da 240 litri per la raccolta dell'organico impegnandosi a effettuare il servizio di ritiro.

"Tante le iniziative che si stanno portando avanti  - ha detto Dolce - per rendere possibile il raggiungimento degli indici incrementali sulla raccolta differenziata previsti nel piano del Comune. Auspichiamo che altri grandi produttori di rifiuti come le caserme, le cliniche private, i grandi centri di produzione di pasti, le carceri si facciano parte attiva per praticare la raccolta differenziata, affinchè oltre al raggiungimento dell’aumento della differenziata si attuino azioni concrete per la salvaguardia dell’ambiente e un'inversione di tendenza nell’attuale produzione e trattamento dei rifiuti. Quindi, riduzione dei conferimenti presso la discarica di Bellolampo, all’impianto Tmb
(trattamento meccanico biologico) per il trattamento del rifiuto indifferenziato e consequenziale aumento della quantità di materiale
riciclabile alle piattaforme specifiche”.

Soddisfazione è stata espressa da Giovanni Migliore che dichiara: "Arnas Civico, riconosciuta come la struttura di riferimento sanitario della Città Metropolitana di Palermo, intende svolgere un ruolo attivo anche sulla crescita sociale del tessuto urbano. In questo contesto si inquadra la collaborazione con la Rap, orientata a promuovere la cultura della differenziata tra le 10000 persone che quotidianamente a vario titolo frequentano l'area ospedaliera. Tra l'altro, da un punto di vista pedagocico assume particolare rilievo il coinvolgimento dell'ospedale dei bambini, mentre è significativo il contributo effettivo alla raccolta differenziata che potrà essere realizzato con lo smaltimento di una massa considerevole di materiale riciclabile che annualmente viene prodotta nei nostri reparti".

“Auspichiamo da tempo questo servizio dedicato - ha aggiunto Renato Li Donni  - Massima sarà la collaborazione con le istituzioni e la collettività cittadina. Bisogna uscire dalla semplice raccolta per strada e andare verso la qualità del sistema nel ciclo dei rifiuti. In ogni caso questa strategia potrà dare un utile contributo per operare una maggiore razionalizzazione e vigilanza della raccolta dei rifiuti con una conseguente ricaduta in termini di economia di risparmio ed economia di scala".

“L’amministrazione comunale ha dato il via libera al nuovo Piano per la raccolta differenziata in città. E non ci stiamo trovando impreparati all'ordinanza emessa dal presidente della Regione - ha spiegato l'assessore all'Ambiente Sergio Marino -. La Rap sta attivando una serie
di iniziative finalizzate all'avviamento di questo tipo di raccolta per uniformarci a quanto disposto che abbracceranno non solo i singoli
cittadini ma le attività commerciali ed ecco che la riduzione dei rifiuti indifferenziati, anche attraverso un sistema di raccolta differenziata potrà consentire il raggiungimento di questo obiettivo prioritario dell’amministrazione comunale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento