menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il gommone della guardia costiera utilizzato per l'intervento di oggi

Il gommone della guardia costiera utilizzato per l'intervento di oggi

Raccolgono 500 ricci, ma arriva la guardia costiera: maxi multa per due palermitani

L'intervento è stato effettuato all'interno della zona "C" dell'area marina protetta di Capo Gallo-Isola delle Femmine. Sono scattati due verbali amministrativi di mille euro e il sequestro di bombole, tubo ed erogatore

Ancora un sequestro di ricci di mare da parte degli uomini della capitaneria di porto di Palermo. Questa volta l’operazione è stata messa a segno a Isola delle Femmine. A finire nei guai sono stati due palermitani. Si tratta di due pescatori di frodo che con l'ausilio di bombole avevano già prelevato circa 500 ricci di mare. E' successo questa mattina.

In azione il personale del GC B21, il gommone della guardia costiera in dotazione all'ufficio locale marittimo di Mondello coadiuvato dalla pattuglia "Mare sicuro" della capitaneria di Porto di Palermo. L'intervento è stato effettuato a Isola, all'interno della zona "C" dell'area marina protetta di Capo Gallo-Isola delle Femmine.

I ricci sono stati immediatamente rigettati in mare mentre per i due pescatori sono scattati due verbali amministrativi di mille euro ciascuno e il sequestro di bombole, tubo ed erogatore.

Com’è noto la pesca sportiva del riccio di mare può essere praticata soltanto in apnea, con l’ausilio di un coltello e guanti con il palmo rinforzato. E’ assolutamente vietato il prelievo di più di 50 esemplari di ricci per pescatore ed inoltre vi è il divieto assoluto del prelievo dell’animale durante i mesi di maggio e giugno proprio per dare la possibilità all’animale di potersi riprodurre sotto costa. Inoltre non si possono prelevare dall’ambiente ricci di una misura inferiore ai 7 (sette) centimetri di diametro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento