Quel che resta è solo polvere, il romanzo di Giuseppe Oddo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

E' uscito oggi nelle principali librerie on Line e promette già di suscitare polemiche il romanzo d'esordio di Giuseppe Oddo. QUEL CHE RESTA È SOLO POLVERE è un romanzo di fantapolitica ambientato nel futuro che narra le vicende di un'Italia divisa dalla guerra di secessione proclamata dal Nord. L'assenza di personaggi positivi e il clima di violenze raccontate senza mediazioni ne fanno un romanzo dove il limite è spesso spinto fino alle estreme conseguenze dall'una e dall'altra parte in guerra. Sullo sfondo una storia d'amore politicamente scorretta e la consapevolezza che nessuno è innocente. Un romanzo dai ritmi serrati e continui cambi di scena che lo fanno somigliare a un grande film con un finale intenso e imprevisto. Nessuno è innocente.

L'intero Romanzo ruota intorno a questa breve frase pronunciata dal protagonista. La storia muove da un antefatto: la lettera che Gabriele Sforza, ex magistrato, scrive al suo amico Editore per sottoporgli un manoscritto di autore ignoto, dal titolo QUEL CHE RESTA E' SOLO POLVERE, ritrovato tra gli scaffali arrugginiti della Fondazione Donati-Merlino, istituita a Corleone per onorare la memoria di Don Luigi, potente Onorevole siciliano e zio del giovane Tenente Roberto Corsini, protagonista del romanzo. Lo scritto narra la vicenda personale dell'Ufficiale nello scenario di una guerra civile che frantumò l'Italia e che non ha una collocazione temporale precisa ma che Sforza si limiterà ad allocare "in quell'autunno incancellabile che oggi è passato ma che ieri ci sembrò il futuro". In questa espressione c'è l'altro motivo del romanzo. Ciò che per Gabriele Sforza rappresenta il passato, per il lettore contemporaneo è ancora qualcosa di futuribile e immaginario: la secessione tra il nord e il sud dell'Italia. Un evento vissuto non come guerra tra buoni e cattivi ma tra il male e il bene dentro ciascuno dei protagonisti sia dell'una che dell'altra parte.

L'assenza di personaggi positivi, lo scenario di violenza e l'ambiguità del suo protagonista principale costringeranno l'ex magistrato ad ammettere che nel Romanzo non ci sono eroi, ed egli stesso, tra le righe, senza dirlo esplicitamente, non è esente da colpe. Non è dato comprendere, pertanto, se il manoscritto sia di autore ignoto o piuttosto rappresenti una confessione anonima e oscura dello stesso Gabriele Sforza, a cui il destino ha offerto, con l'incarico presso la Fondazione, un inaspettato incontro con i fantasmi del passato. Dire senza dire, confessare senza ammettere, esserci senza esser visti: tutti modi diversi ma uguali per pulire la coscienza senza correre rischi. QUEL CHE RESTA E' SOLO POLVERE è un romanzo di fantapolitica senza redenzione e politicamente scorretto. La secessione del Paese è infatti lo scenario perfetto per far esplodere la spaccatura interiore che vive ciascuno dei personaggi, ma soprattutto il protagonista, il Tenente Roberto Corsini. Un'opera narrativa fatta di capitoli che somigliano a tanti ciak di una sceneggiatura, che, alla fine, mi piace considerare un Romanzo Cinematografico.

Torna su
PalermoToday è in caricamento